Utente 528XXX
Gentilissimi Medici,
Riassumo in breve la mia situazione.
Ad aprile 2018 dopo mesi di dolore alla gamba destra (dai referti: disestesie urenti) ho il mio primo episodio di movimenti involontari definiti inizialmente 'ballici' e poi 'coreici', principalmente al capo, collo e spalle, interrotti solo in seguito all'assunzione di clonazepam. Susseguono numerosi episodi di movimenti involontari. Nei seguenti due ricoveri risulta:
EEG nella norma
RMN cervello, colonna vertebrale nella norma
Rachicentesi nella norma
Elttromiografia gamba destra nella norma
Potenziali evocati motori e somatosensoriali nella norma.
Scintigrafia gangli della base nella norma.
Visita psichiatrica nella norma.
Esclusa sospetta encefalite autoimmune, lupus, chorea di Sydenham.
Nelle ultime visite neurologiche si sospetta una distonia dopa responsiva. Inizio il trattamento con levodopa fino ad arrivare a 200mg al giorno. Al momento il dolore alla gamba e il conseguente "zoppicare" è nettamente migliorato, eppure sono peggiorati gli attacchi di movimenti involontari, sia come frequenza (ormai giornaliera) che come intensità : sono preceduti da una sensazione di forti scosse spesso scatenate da forti luci o rumori, colpiscono principalmente il collo e il capo, spesso sono dolorosi perché sono 'a scatto', mi portano ad avere una marcia 'a soldato' con cedimento delle ginocchia e impossibilità a camminare da sola, disartia e difficoltà di concentrazione, movimenti delle mani 'ad artiglio', leggera deviazione degli occhi, senza perdita di coscienza. Tutto ciò è documentato da numerosi video. L'unico farmaco in grado di sospendere gli attacchi è il clonazepam, nessun effetto con lexotan, aloperidolo e gabapentin.
Influenzando di molto la mia vita sociale chiedo, in attesa di una visita al Besta, se secondo voi i miei sintomi si possano associare a una patologia.

[#1] dopo  
Dr. Alberto Lerario

20% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,

purtroppo non si può al momento affermare più di quanto gli è stato detto.
E' indispensabile osservarla in sede di visita, e ha fatto bene a prenotare un controllo in un centro iperspecializzato nei disturbi del movimento, in modo che valuteranno anche l'eventuale necessità di uno studio genetico
Dr. alberto lerario

[#2] dopo  
Utente 528XXX

La ringrazio per la sua gentile risposta.