Utente 458XXX
Salve, sono una ragazza di 20 anni che non soffre di particolari patologie.
Da 3 mesi a questa parte, però, ho uno strano disturbo agli occhi. Cercherò di spiegarmi nel miglior modo possibile.
Quando guardo su, per un secondo vedo delle macchie perfettamente rotondeggianti di media dimensione bianche, dai contorni forforescenti, le vedo soltanto di giorno.
Inoltre, Quando guardo alle estremità esterne del campo visivo appare invece una macchia verde e viola, anche quest'ultima la vedo soltanto quando c'è luce, non al buio. Questi disturbi li avverto tutti i giorni per tutto il giorno.
Mi sono recata così dall'oculista, credendo, nella mia ignoranza, che potesse trattarsi di un problema agli occhi. L'oculista mi ha esaminato attentamente e ha eseguito anche un'esame del fondo oculare senza trovare assolutamente niente.
Ora sono terrorizzata perché, mi chiedo, se il problema non è all'occhio potrebbe essere un problema di circolazione? È possibile? Anche perché da un po' di tempo avverto anche dei formicolii agli arti, gli arti si addormentano molto più in fretta e più facilmente del solito (da circa 5 mesi) ma soltanto quando mi trovo in posizioni scorrette, mi basta alzarmi e tutto scompare.
La mia pressione è buona, recentemente ho fatto anche le analisi generali del sangue e della tiroide, perfette.
Soffro di tachicardia ed extrasistole ma non credo centri qualcosa.
In passato, un anno fa esattamente,ho preso la pillola anticoncezionale per 5 mesi, poi interrotta perché mi ha portato vari problemi. È passato un anno da quanto ho interrotto la cura.
Mi scusi se mi sono dilungata, ma non so cosa fare o a chi rivolgermi. Non so se vista la durata lunga dei sintomi potrebbe essere qualcosa di grave o meno, non so se allarmarmi e soprattutto non so assolutamente a chi rivolgermi.
Può darmi un consiglio e dirmi se è qualcosa di preoccupante? E se potrebbe trattarsi di un problema circolatorio?
Sono nel pallone e in ansia! La prego mi aiuti! La ringrazio anticipatamente per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara Signorina,
il fenomeno visivo che lei descrive è definito scotoma scintillante e se l'Oculista ha escluso la sua competenza nell'individuarne l'origine, esso potrebbe essere collegato ad una forma di cefalea che si chiama "emicrania con aura". Può avere un'idea più chiara di quanto le sto dicendo, leggendo su Medicitalia il mio Speciale "Tutto sulle cefalee". E' ovvio, comunque, che Lei debba essere sottoposta ad una visita neurologica che metta a fuoco, attraverso una attenta raccolta dei dati anamnestici ed uno scrupoloso esame neurologico, la connessione del disturbo da lei lamentato (incluse le parestesie che potrebbe rientrare nel corteo sintomatologico dell'emicrania) con la diagnosi di emicrania.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 458XXX

Salve dottore, ho letto i suoi articoli riguardo all'emicrania con aura. Per quanto riguarda i fenomeni visivi (macchie colorate) mi ci ritrovo molto.
Tuttavia, Ho letto che gli attacchi in genere durano poco, invece io queste macchie le vedo per tutto il giorno (solo quando guardo su o ai lati) ! Inoltre il mal di testa è assente, mi capita veramente di rado di avere mal di testa.. E quando mi capita mi fa male solamente sotto le sopracciglia, la testa mai. Potrebbe comunque essere emicrania con aura?
La ringrazio davvero per la sua risposta, è bello che lei aiuti le persone in questo
Modo

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara ragazza,
Un consulto online può essere solo orientativo come lei ben intuisce per cui si può ipotizzare che i suoi disturbi siano assimilabili a quelli del l'emicrania con aura, ma ovviamente una diagnosi precisa deve essere sorretta da precisi dati anamnestico e clinici al fine di impostare una terapia appropriata.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it