Utente 362XXX
Buongiorno,
Sono una donna di 30 anni e da circa 3 anni mi é capitato di avere degli episodi di quella che il mio medico ha definito emicrania con aura. Mi é successo circa 5 volte.
Dapprima avverto un disturbo visivo, ieri sera era una specie di linea colorata a zig zag. Il disturbo é durato meno di 20 minuti. Dopo mi é venuto mal di testa, localizzato nella parte sin della fronte.e anche stamattina era presente, così ho preso ketoprofene ed é passato.
Quello che volevo chiedervi é quali sono le cause di questo disturbo e come mai il mio medico di famiglia continua a darmi farmaci da banco quando io ho letto invece che esistono dei farmaci specifici (es: imigran)?
Tra le cause il mio medico ha ipotizzato le poche ore di sonno , i problemi alla cervicale di cui soffro ormai da 4 anni,l' eccessiva ansia (ho sofferto di disturbo ansioso depressivo curato con deniban brintrllix e alprazolam per un anno) e un affaticamento visivo dovuto al fatto che nonostante abbia un cheratocono bilaterale non porto le lenti perché non le tollero.
Secondo voi la diagnosi e le ipotesi relative alle cause sono esatte? E credete sia il caso di parlare meglio col medico per avere un farmaco più adeguato? Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la diagnosi di emicrania con aura che ha fatto il Suo medico curante sembra corretta, i sintomi ci stanno tutti.
Questa condizione è una cefalea primaria che significa senza causa nota, per cui non possiamo parlare di cause, che sono sconosciute, ma in alcuni pazienti è possibile individuare dei fattori scatenanti che, ripeto, non rappresentano la causa.
Tra questi fattori lo stress psicofisico è il più frequente, poco rilevante invece il problema cervicale.
Riguardo la terapia dell'attacco acuto, se con gli antidolorifici da banco ha buoni risultati non c'è motivo di prescrivere i triptani (imigran e altri) perché non sono curativi e non si hanno maggiori vantaggi.
Se invece ci sono periodi di maggiore frequenza degli attacchi, che si presentano ravvicinati tra di loro, è indicata una terapia di prevenzione.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 362XXX

Gentilissimo dott. Ferraloro,
La ringrazio. Come sempre é gentilissimo e molto chiaro.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro