Utente 486XXX
Gentili dottori,
gradirei avere un vostro consulto in merito a quanto successo circa un mese fa.
Una sera stavo giocando con mia figlia quando improvvisamente, ho notato che metà del campo visivo occhio DX non funzionava bene, vedevo immagini distorte e in continuo movimento.
Ero vigile, mi sono alzato, ho camminato fino in bagno, tolto le lenti e messo gli occhiali per vedere se il disturbo cessava.
E' durato circa 15 minuti, in seguito non ho avuto dolori di testa e vertigini.
Mi sono precipitato in Pronto Soccorso, le visite effettuate sono state ECG, TAC celebrale e alcune prove di equilibrio occhi aperti e chiusi.
Gli esiti sono stati tutti negativi, solo mi è stato consigliato una RM massiccio facciale perché in effetti soffro di sinusite.
Diagnosi di una presunta aura emicrania.
Il giorno dopo mi sono recato in ospedale per altri accertamenti, prima dall'oculista che non ha trovato niente di importante, poi visita neurologica, anche questa negativa, mi ha prescritto RM encefalo e angio-rm distretto vascolare intracranico.
Il giorno dopo ho fatto la donazione del sangue, stavo bene e non ho avuto più alcun sintomo.
Qualche giorno dopo ho iniziato ad avere un formicolio nella tempia dx ad intermittenza, durato circa mezza giornata fino a quando non sono andato a letto.
Mi sono sinceramente preso un po' di paura dato che il sintomo era proprio vicino all'occhio dove avevo avuto "l'offuscamento"
Ho iniziato a soffrire un po' di ansia per questi disturbi, mia madre è affetta da Sclerosi Multipla, vi lascio immaginare come mi posso sentire in questo momento.
Ritiro i risultati delle analisi del sangue (donazione) i valori sono nella norma.
Per un paio di giorni si sono presentati leggeri spasmi muscolari in tutto il corpo, principalmente su gambe, leggero intorpidimento alla pianta del piede DX e pizzichi fastidiosi.(soffro di ernia discale L5-S1 - protrusione L2-L3)
Inoltre al lavoro accusavo mani e piedi freddi oltre ai sintomi citati ora.
Ritiro gli esami RM encefalo (senza contrasto), tutto negativo.
I sintomi si sono attenuati ma alcuni persistono ancora, tra cui:
- leggere contrazioni muscolari dei polpacci e dei piedi, inoltre la pianta del piede dx a volte la sento un po' meno sensibile.
- costante rigidità e dolore cervicale
- debolezza muscolare
- problemi visivi, mi spiego meglio, ho notato che quando giro lo sguardo su una fonte luminosa, la vista si appanna per poi essere nuovamente nitida. (entrambi gli occhi, maggiormente sul DX) Per esempio, quando sono in casa, guardo un oggetto e poi giro lo sguardo su una finestra aperta, vedo come una
barriera che mi offusca lo sguardo per circa mezzo secondo per poi tornare normale. Inoltre sono presenti numerosi corpi mobili.
Prossima settimana farò un'ulteriore visita oculistica e neurologica.
Inutile dirvi che la mia paura principale è quella di avere malattie demielinizzanti.
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione e pazienza a quanto scritto.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il disturbo visivo potrebbe essere un'aura emicranica senza cefalea. Detto questo, la sintomatologia descritta è molto eterogenea ed aspecifica per potere ipotizzare qualcosa on line. Problematiche alla colonna vertebrale potrebbero giustificare almeno gran parte della sintomatologia.
Per quanto riguarda la paura della SM, già l'esito negativo della visita neurologica e della RM encefalica sono davvero tranquillizzanti, a rigore manca soltanto la RM midollare, se fosse negativa anche questa può escludere la SM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Buona sera Dr. Ferraloro.
Intanto la ringrazio per la pronta risposta.
Per quanto riguarda i sintomi prima specificati sono stati scritti in maniera molto sintetica e difficile effettivamente da interpretare.
I principali sono stati i seguenti:
- fastidio e senso di bruciore pianta del piede DX durato circa un paio di settimane. Provavo sollievo solo se stavo scalzo e da sdraiato. Ora il fastidio c'è ancora anche se in forma più leggera su entrambi i piedi. Quando vado a fare una camminata sto bene, ma quando mi fermo ho parestesia su entrambi i polpacci e piedi per circa 5 minuti.
- offuscamento vista come descritto nel primo post. Ma questo sintomo si presenta sempre, tutti i giorni e in qualsiasi momento. Può essere un sintomo di neurite ottica? Ho anche notato un aumento di corpi mobili.
- rigidità e dolore cervicale.
Spero, come da suo consiglio, che in fase di visita neurologica mi venga prescritto RM midollare così da escludere SM, anche se mi sembra di capire che posso stare già abbastanza tranquillo.
Ho due domande se mi permette:
- nella RM midollare si verifica anche lo stato della colonna vertebrale in toto? (ernie, discopatie ecc..) Così con una sola RM ho un quadro completo.
- per quanto riguarda la vista offuscata, non dovrei averla solo nel momento e dopo che si presenta l' aura con o senza emicrania? Io invece c'è l'ho sempre.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, per studiare sia il midollo spinale che eventuali problematiche alla colonna lombosacrale deve effettuare una RM del rachide in toto.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 486XXX

Buon giorno Dr. Ferraloro, grazie mille per la sua risposta.
Invece per quanto riguarda la seconda domanda?
- per quanto riguarda la vista offuscata, non dovrei averla solo nel momento e dopo che si presenta l' aura con o senza emicrania? Io invece c'è l'ho sempre.
Inoltre ho notato un aumento di corpi mobili sempre sull'occhio DX.
Può essere sintomo di neurite ottica?
Inoltre sono ancora presenti leggere fascicolazioni su entrambe le gambe, principalmente quando sono seduto. Quando sono alzato, cammino e vado a dormire i disturbi spariscono.
Una domanda dottore.
Secondo lei è necessario indagare sul midollo o posso stare tranquillo con la RM encefalica negativa?
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la tipica aura emicranica è quella descritta precedentemente, della durata di circa 15 minuti, esistono casi rari di aura persistente, fino a qualche settimana ma, almeno da quanto scrive, non sembra il Suo caso.
Quale il Suo problema? Ovviamente non si può stabilire a distanza, veda cosa Le dirà l'oculista.
Riguardo la neurite ottica, non siamo di fronte a sintomatologia tipica.
Ritengo che possa stare tranquillo con la RM encefalica, il protocollo però prevede anche quella midollare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 486XXX

Buona sera dottore.
Prossima settimana ho l'appuntamento con l'oculista e a breve anche quella neurologica.
Le farò sapere le risposte di entrambi se per lei non è un problema.
Nell'attesa le auguro buon weekend.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Nessun problema, ci mancherebbe.

Buon fine settimana anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 486XXX

Buon giorno Dottore.
Torno a scrivere perché sono diverse notti che mi sveglio con i polpacci pesanti, tesi e con fascicolazioni.
Ora inizio davvero ad entrare in uno stato ansioso.
Le fascicolazioni ai polpacci e ai piedi sono sempre più frequenti, solo quando sono in piedi non le avverto.
Inoltre la pianta del piede DX la sento spesso strana, per trovare sollievo devo stare scalzo.
Può essere questo mio stato ansioso a portare ad avere questi sintomi?
Come scritto in precedenza, da una RM del 2014 è stato rilevato quanto segue:
Il disco intersomatico L5-S1 mostra attenuazione di segnale nella sequenza T2 pesante, per disidratazione, e fa apprezzare ernia discale mediana e paramediana destra che impronta la faccia anteriore del sacco durale e l'origine della radice nervosa destra S1.
Lieve bulging mediano del disco intersomatico L5-S1.
Il disco intersomatico L2-L3 mostra protrusione discale in postero-laterale destra, con impronta sulla corrispondente faccia anteriore del sacco durale.
Quando faccio straching da in piedi e vado a toccare le punte, dopo poco sento i piedi leggermente formicolare.
Lo stesso quando faccio una passeggiata intensa e poi mi fermo questi iniziano a formicolare per circa 5 minuti.
I sintomi descritti finora possono portare ad una presunta SM?
Nonostante la RM encefalo negativa non sono poi così tranquillo come credevo.
Cordiali saluti.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita è compatibile con i reperti riscontrati alla RM lombosacrale, ovviamente è necessaria una valutazione diretta per confermare o meno tale correlazione.
Anche uno stato ansioso potrebbe essere una possibile causa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 486XXX

Buon giorno Dottore,
Può gentilmente replicare alla seguente domanda?
I sintomi descritti finora possono portare ad una presunta SM?
Nonostante la RM encefalo negativa non sono poi così tranquillo come credevo.
Saluti.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ipotesi SM, con i famosi limiti del consulto a distanza e pertanto basandosi solo sui contenuti del consulto, non sembra molto probabile ma ovviamente senza un RM midollare non possiamo dare certezze.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno Dottore, torno a scrivere dopo qualche giorno.
Credo di essere entrato in uno stato ansioso mai successo prima in vita mia.
I sintomi sono sempre gli stessi, fascicolazioni principalmente a gambe e piedi, tensione muscolare al collo spalle e polpacci, stanchezza cronica. Inoltre i fastidi alla pianta dei piedi non cessa a smettere.
Durante il giorno, principalmente quando sono al lavoro questi sintomi si fanno sentire maggiormente,e il pensiero di avere la SM ormai è un chiodo fisso. Nel pomeriggio, verso le 15.00 mi prende spesso un attacco di ansia, sento il reale bisogno di alzarmi dalla sedia, fare 2 passi e respirare profondamente. Non nego di avere anche crisi di pianto.
La sera poi quando torno a casa dalla mia famiglia, le cose cambiano, i sintomi si attenuano e io sto meglio sia fisicamente che psicologicamente. La notte mi capita di svegliarmi e di stare bene, ma appena penso alla malattia ecco che il mio stato di angoscia e i sintomi tornano a farmi visita. Lo stesso quando mi alzo la mattina.
Mi sono dimenticato di scrivere che sono stato sempre una persona un po' ansiosa e ora mi riconosco anche come ipocondriaco. Inoltre, non so se può essere utile, fin da piccolo ho avuto sempre disturbi di sonno. Ancora ad oggi faccio fatica ad addormentarmi e la notte mi sveglio dalle 4 alle 5 volte per poi prendere sonno in poco tempo.
Cordiali saluti.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in effetti è evidente, da quanto scrive, che si è fatto prendere dall'ansia, infatti quando rientra a casa sta meglio.
Mi sembra opportuno affrontare anche questo problema rivolgendosi ad uno psichiatra o ad uno psicologo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 486XXX

Buona sera Dottore, torno a scrivere in quanto sono tornado poco prima dalla visita oculistica.
Premetto che il dottore che mi ha visitato è un primario, si è dimostrato molto scrupoloso e gentile a soddisfare ogni mia richiesta. La vista è rimasta stabile, nervo ottico e pressione oculare perfetti, mi ha trovato la retina e il vitrio leggermente alterati con numerosi corpi mobili. Mi ha spiegato che persone miopi come me sono più predisposti a questi casi. Ecco spiegato il mio disturbo visivo che avevo esposto precedentemente. Prossima visita salvo imprevisti fra un paio di anni. Tornando ai miei disturbi, purtroppo non sono migliorati ma neanche peggiorati e non c'è ne sono stati di nuovi. Le parestesie a gambe, polpacci e piedi persistono quando sono seduto, quando sono in piedi o steso non si fanno quasi sentire mai. Per calmare i fastidi muovo spesso le gambe e sento il bisogno di massaggiarle. Inoltre sento come una pressione sulla caviglia e polpaccio DX. Non ho però parestesie e non ho mai perso la sensibilità su nessun arto. La pianta dei piedi la sento sempre un po' strana, quando sono seduto o in piedi, da steso invece sto meglio. La sensazione è quella di avere la calza bagnata, come se si attaccasse al piede e i diti me li sento tipo "piatti" con qualche crampettino ogni tanto. Mi può consigliare qualcosa su questi disturbi?
Nel frattempo aspetto che mi chiamano per un appuntamento con il neurologo.
Cordiali saluti.

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Le dicevo anche precedentemente, la sintomatologia descritta può essere compatibile con quanto riscontrato alla RM lombosacrale. Ovviamente la visita neurologica è fondamentale ma un esame utile complementare alla RM che ha effettuato può essere l'EMG agli arti inferiori.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 486XXX

Buona sera Dottore, torno a scrivere per aggiornare il mio stato. Ho appena eseguito la visita neurologica e questa è stata la diagnosi:
si segnala solo ROT asimmetrici AAII con rotuleo sinistro > destro; alluce muto a sinistra: RCP in flessione a destra, no cloni; Romberg negativo, marcia normale.
Ipotesi diagnostica: radicolopatia
Esami richiesti: EMG e RMN rachide cervicale e dorsale da fare solo per mia tranquillità.
Quello che non capisco è che nella visita di circa un mese e mezzo fa, fatta da un altro neurologo era risultato tutto negativo.
Mi ha detto di togliermi dalla testa la SM.
Quello che le chiedo dottore sono due cose:
Come interpreta la visita del Neurologo, anche perché sinceramente è stata di pochissime parole.
Con RMN rachide cervico dorsale, si può definitivamente escludere la SM o serve anche quella lombare?
La ringrazio in anticipo e le auguro una buona serata.

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il midollo spinale, che è poi quello in cui possono localizzarsi lesioni demielinizzanti, è esplorabile nel tratto cervicale e dorsale, in quello lombosacrale non c'è più midollo per cui l'esame prescritto è sufficiente per escludere la SM.
Con RM encefalica negativa può stare tranquillo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 486XXX

Salve dottore, può replicare alla seguente domanda?
Come interpreta la visita del Neurologo, anche perché sinceramente è stata di pochissime parole.
Volevo solo sapere se mi dovevo preoccupare o meno e se la EMG è utile in questi casi.
Saluti.

[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'esito della visita neurologica è compatibile con la diagnosi di neuropatia, così come l'EMG è l'esame più indicato nello studio delle neuropatie.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro