Utente 475XXX
Salve sono un ragazzo di 29 anni che soffre di attacchi di emicrania con aura 3/4 volte l anno. Il primo attacco mi venne all' età di 13 anni per poi ricomparire negli ultimi anni con una periodicità di 3/4 volte l anno. Gli attacchi si presentano solo con disturbi visivi che durano 5/10 min al Max dove al seguito scompaiono e compare un bel mal di testa che dura fin ad 1 giorno...spesso l aura si presenta la sera tardi quando rientro a casa prima di mettermi a letto. Ho letto di possibili complicanze ischemiche, il che mi preoccupa un po. Ho mia nonna di 80 anni in famiglia che ha avuto una piccola ischemia ma che fortunatamente non l ha debilitata... chiedevo il da farsi e magari un consiglio su quali farmaci utilizzare al momento della comparsa dei sintomi per combattere il problema... cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i soggetti che soffrono di emicrania con aura hanno un lieve aumento di rischio cerebrovascolare, tuttavia se non sono presenti altri fattori di rischio come diabete, ipertensione arteriosa e colesterolo e trigliceridi alti, può stare tranquillo anche considerata la bassa frequenza degli attacchi.
A proposito di quest'ultima, negli eventuali periodi di maggior frequenza (più di uno-due attacchi al mese) è indicata una terapia di prevenzione, altrimenti, come nel Suo caso, è sufficiente un antidolorifico qualora la cefalea sia di una certa entità.
Ritengo che sia già seguito da un neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Ringrazio per la tempestiva risposta... Ho uno stile di vita molto riguardato... sono uno sportivo, non eccedo in nulla, e sopratutto non fumo. Non ho problemi legati al colesterolo o al diabete in quanto mi controllo sporadicamente almeno 1 volta l anno con emocromo ed analisi complete. Non sono seguito da alcun neurologo però perché fin ora non ne ho mai avuto l esigenza.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

bene, non ha fattori di rischio importanti per vasculopatie cerebrali, può tranquillizzarsi.
Ritengo comunque utile avere un neurologo di riferimento come riterrei utile effettuare una RM encefalica, anche senza mezzo di contrasto, per avere una valutazione completa, il tutto comunque senza nessuna urgenza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro