Utente 268XXX
Salve, ho 27 anni, da circa 4 anni soffro di dolori cervicali dovuti a postura errata.
Negli ultimi mesi però ho dolori costanti alla cervicale e i muscoli tesi, indolenziti alle braccia (deltoidi) e
spesso alle gambe, in particolare nel pomeriggio, anche se non faccio sforzi (suono il pianoforte, ma nell'ultimo periodo non posso più farlo, perchè dopo dieci minuti inizio ad avvertire bruciore alle braccia, come anche quando alzo le braccia per legare i capelli, non posso tenerle in alto per più di 10 secondi, per il solito bruciore, questo negli ultimi 3 mesi). Ci sono momenti in cui sto meglio, altri in cui ho nausea che giunge all'improvviso, vertigini e stomaco chiuso. Spesso ho dolore alla cute, nell'ultimo periodo forfora (molto eccentuata nell'attacco della cute, quasi croste). Negli ultimi mesi ho un'accentuata caduta di capelli. In altre occasioni problemi alla vista, come se fosse stanca, ho fastidio quando leggo più righe su sfondo bianco (anche al mattino), formicolio alle mani di notte, a volte anche di giorno, in particolare dal medio al mignolo della mano sinistra. Considero il fatto di essere sotto stress, perchè ho appena cambiato lavoro, ma possono essere queste tutte cause di stress? (dalla Tac alla testa, 4 anni fa, era tutto nella norma; analisi del sangue perfette, circa 10 mesi fa). Il dottore mi ha detto di star tranquilla e di fare determinati esercizi per la cervicale, di riposare il più possibile. Ma a volte mi sento così male, anche dopo aver riposato o dopo il minimo sforzo, che non so se dovermi preoccupare più del dovuto o insistere nel fare esami più approfonditi...

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
innanzitutto ritengo che non vi sia una correlazione fra i disturbi di natura dermatologica da lei riferiti e la sintomatologia di dolori, parestesie e riduzione della forza a carico degli arti superiori. E' questa una fenomenologia che potrebbe essere ascritta ad un impegno delle strutture nervose del rachide cervicale, che merita di essere approfondita clinicamente e con opportune indagini strumentali da parte di un Neurologo. Se desidera avere una panoramica più vasta sul problema, può leggere nella sezione Speciali Salute di questo sito il mio articolo "Tutto sulla cervicalgia".
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it