Utente 479XXX
Buonasera dottori
Vi chiedo cortesemente un consulto in quanto sono preoccupata per mia figlia di 9 anni. Un paio di giorni fa vengo contattata da scuola perché accusa un forte Mal di testa.
Io vado a prenderla e noto che la bambina è molto dolorante ha gli occhi rossi e piange dice che sente un forte mal di testa alla tempia e che non riesce neppure a pensare.
La porto a casa e le sommistro una tachipirina anche se non ha febbre.
Dopo un pisolino si sveglia meglio...ma sempre dolorante e un Po confusa.
Il giorno dopo la tengo a casa ma prima di pranzo accade nuovamente questo forte Mal di testa. Sempre allo stesso punto...tempia sinistra sempre molto molto forte.
La bambina dice che non riesce neppure a parlare tanti le fa male la testa come una pugnalata...le da fastidio la luce e sente la nausea molto forte. Non sapendo cosa fare la porto al ps ma dopo averle dato del momendol Kid che la fa oggettivamente stare bene in 30 minuti, la rimandano a casa con una diagnosi generica di cefalea.
Premesso che io non sono una madre allarmista..non nego che questi mal di testa in una bambina così piccola mi spaventano e preoccupano. Capisco che è necessario un consulto ma da questi pochi dati riuscite a dirmi se potrebbe avere qualcosa di grave.
Per fine mese ho appuntamento con il neurologo ma fino a quella data cosa posso fare? Non so se puo aiutare ma mio marito soffre di cefalea con aura ma si presenta in modo diverso.
Grazie mille.
Ste

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

dagli elementi a disposizione si potrebbe pensare ad un'emicrania, in questo caso senz'aura, con questa ipotesi ci stanno il dolore abbastanza forte, l'unilateralità, la nausea ed il fastidio alla luce.
Riguardo l'età, da diversi anni ormai notiamo un esordio dell'emicrania in soggetti sempre più giovani, già è possibile a 6-7anni. Ottima notizia la regressione della cefalea in seguito alla somministrazione di un comune antidolorifico.
Capisce bene però che questa è solo un'ipotesi a distanza, solo con una visita neurologica ed eventuali esami diagnostici che il collega potrebbe richiedere si può formulare una diagnosi corretta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 479XXX

Buongiorno dottore
Grazie mille per la tempestività della risposta e per avermi anche tranquillizzata.
La ringrazio veramente molto.
Buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, Signora.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro