Utente 472XXX
Buonasera, chiedo gentilmente un consulto per una situazione che mi sta dando non pochi problemi. Circa 7 mesi fa, a fine Giugno, lavoravo come cameriere. Improvvisamente mi sveglio una mattina con un forte dolore lombare che passa in circa 4 giorni. Successivamente inizio ad accusare sensazioni tipo punture di spillo su tutto il corpo,associate a tensione muscolare agli arti inferiori e sensazione di debolezza in tutti gli arti. Svolgo una rmn dell'intera colonna vertebrale dove mi trovano una rettilineizzazione del rachide cervicale e 5 ernie, 3 dorsali e 2 lombari, di cui la piú importante in L5-S1. Consulto subito un neurochirurgo che, esaminando le immagini, dice che le ernie sono piccole e non possono causarmi i sintomi che riporto. L'unica che ha dignitá di essere chiamata ernia é quella in L5-S1, che comunque non va operata. Dopo circa un mese, tuttavia, iniziano altri sintomi: fascicolazioni e miochimie frequenti,diffuse e migranti, sensazioni tipo punture di spillo ovunque ma soprattutto ai piedi, a volte diarrea, borborigmi, vista offuscata, palpitazioni, sensazione di respirare male, formicolii, intorpidimento degli arti al risveglio e piccoli bruciori muscolari alle gambe. Consulto quindi un neurologo, ormai sicuro di avere la SLA o la SM. Egli mi dice che risulto sano come un pesce ma che ho riflessi diffusamente iperelicitabili, sostenendo,come il mio medico di base, che ciò sarebbe dovuto al fatto che io sia un soggetto ansioso e ipocondriaco. Inizio quindi una cura con lo zoloft 50 mg/die. I sintomi migliorano leggermente ma persistono. Si aggiunge anche bruciore alla lingua, fastidiosi tremori alle mani e lievi mal di schiena. Due mesi fa vengo quindi visitato da un altro neurologo, che non trova nulla di anormale. Egli mi fa anche una EMG agli arti inferiori che risulta anch'essa negativa a parte una lievissima sofferenza radicolare in L5-S1, compatibile, a suo dire, con la mia ernia. Anch'egli protende infine per un disturbo di tipo psicosomatico su base ansiosa e mi dice di continuare con lo Zoloft. Ho effettuato nel frattempo le analisi del sangue, che sono risultate normali, compresi i livelli di CPK. Risulto inoltre negativo agli anti-ANA, agli anti-ENA e agli anticorpi anti muscolo liscio.Considerando i miei sintomi cosa pensate che possa avere? Mi sento rigido e impacciato nei movimenti anche se la gente dall'esterno non nota nulla. Riesco a farmi varie rampe di scale correndo e a svolgere lavori mediamente pesanti. Ogni tanto di notte mi bruciano un pò i talloni ma se cambio posizione,passa.É possibile che io abbia una polineuropatia delle piccole fibre? Come dovrei muovermi?Grazie infinite a chiunque voglia rispondere.

[#1] dopo  
Dr.ssa Giovanna Bardellini

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2017
Lei ha una neuropatia periferica. Le cause possono essere diverse, mi dica se ha avuto qualche sintomo PRIMA delle manifestazioni che descrive. Ad esempio mi parla di diarrea e borborigmi: ne ha sempre sofferto o sono sintomi recenti? Attendo una sua risposta per indicarle, in base a quanto mi riferirà, gli esami più opportuni da eseguire per scoprire il "colpevole" della situazione attuale.
Cordiali saluti
Dr.ssa Giovanna Bardellini

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Gentile dottoressa,
Diarrea e stitichezza per la veritá non sono frequenti. Lo sono stati questa estate ma poi nulla piú. I borborigmi invece sono quasi sempre presenti, a volte accompagnati ad aciditá di stomaco, di cui soffro per questioni ansiose dall'adolescenza. Tutti i sintomi che ho descritto sopra sono iniziati a Giugno,prima non ho avuto nulla del genere. I due neurologi che mi hanno visitato, il medico di base e un altro medico hanno escluso una neuropatia periferica. Lei é sicura che io la abbia?

[#3] dopo  
Dr.ssa Giovanna Bardellini

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2017
L' insieme dei sintomi che riferisce fanno pensare ad una neuropatia periferica, trovo giusto quindi indagare le cause possibili d'insorgenza. Se vuole, questi sono gli esami che richiederei:
- Ab anti Campylobacter jejuni IgG
- Ab anti Giardia IgG
- Western blot x H. Pylori IgG
- Ab anti Coxsachie B IgG
Quando avrà i risultati, se troveremo qualche positività, le darò una terapia che spero la farà star meglio. È da una vita, a quanto leggo, che le danno la responsabilità dei suoi disturbi in quanto "ansioso" o "ipocondriaco" , forse è il caso di avere qualche dubbio, non trova?
Dr.ssa Giovanna Bardellini

[#4] dopo  
Utente 472XXX

Proverò a fare questi test. É normale che i miei sintomi spariscano quasi completamente con il Lexotan?