Utente 835XXX
Buongiorno
vi scrivo per avere delle indicazioni circa un problema che sta interessando mio padre.
Ha 70 anni e da qualche mese avvengono saltuariamente degli episodi preoccupanti. Mi spiego all'improvviso, in genere dopo colazione o pranzo, noto che assume un colorito pallido, inizia a deglutire più volte,si mantiene la testa tra le mani e quando chiedo se si sente bene mi risponde solo che ha la testa confusa. Dopo questa prima fase in genere inizia a fare domande su cose avvenute nella giornata stessa e che lui normalmente ricorda del tipo: Stamattina cosa ho fatto? Che medicine prendo dopo mangiato? Dove dobbiamo andare oggi? ecc...Se lo stimolo con delle domande, dopo un po ci arriva da solo alle risposte ma ripete continuamente di sentirsi confuso. Inoltre non ricorda alcuni avvenimenti importanti della sua vita, ad esempio parla del padre come se fosse ancora vivo ma la sua morte è avvenuta 18 anni fa. Questi episodi durano in genere dai 5 ai 15 minuti; quando poi riacquista anche il suo normale colorito si comporta come se nulla fosse avvenuto e non si ricorda niente di quello che è accaduto poco prima. Alcune volte quando avvengono questi episodi dice di sentire un sapore strano in bocca, un sapore dolciastro, ma questo non avviene sempre. Poichè lui non ammette di avere queste amnesie perchè non se ne ricorda non riesco a convincerlo a parlarne con un medico, nè vuole che noi familiari ne parliamo perchè ritiene di stare bene e di non avere nessun tipo di problema. In ogni caso ritengo sia necessario approfondire vista anche la sua età. Vorrei sapere quali esami diagnostici siano necessari per capire quale può essere la causa questi episodi. Vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

l'iter diagnostico in un caso come quello di Suo padre comprende la visita neurologica, una RM encefalica ed un EEG.
È necessaria però la sua collaborazione e che si convinca sulla necessità di approfondire il problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro