Utente
Buongiorno, sono una ragazza di 32 anni. È un po’ di giorni che provo una sensazione di formicolio alle braccia, sopratutto quello sinistro e di debolezza muscolare. Mi stanco molto facilmente e non riesco a camminare più di tot tempo. Quest'anno ho eseguito vari esami del sangue (tra cui quelli della tiroide), un’ecografia alla tiroide e due visite otorinolaringoiatriche, di cui una fibrolaringoscopia che mi ha diagnosticato un reflusso e sto già facendo una terapia. Della tiroide invece al momento non devo fare niente, anche se l’endocrinologo mi ha detto che ho una predisposizione per un ipertiroidismo e dagli esami sono risultati alti i due valori degli anticorpi e ho anche un nodulo. Premetto anche che sono una persona molto ansiosa e questo mi ha portato anche a diventare ipocondriaca e questo ovviamente mi ha portato subito a pensare ad un inizio di SM! Cosa sarebbe meglio fare? Una visita neurologica? Grazie!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

ne ha già parlato col Suo medico curante? È la prima cosa da fare quando si inizia un iter diagnostico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta celere. No a dire il vero non ne ho ancora parlato con il mio medico di base. Dice che dovrei farlo al più presto per sentire bene cosa mi dirà anche lui? Grazie!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in questi casi la prima cosa razionale da fare è rivolgersi al medico curante, poi sarà il collega a stabilire come procedere, in base ai riscontri della visita stessa.
Peraltro il Suo medico curante ha anche il vantaggio di conoscerLa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio! Oggi infatti andrò dal mio medico e ne parlerò con lui.

Ma volevo sapere comunque una cosa: questi sintomi possono dipendere anche da uno stato di forte stress e ansia che sto passando adesso?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

può essere una possibilità da prendere in considerazione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno, ritorno a scrivere qui dopo un paio di mesi. Come avevo scritto a giugno, circa formicolio alle braccia ecc, non si sono più presentati questi disturbi , ma da circa 1 mese ormai ho una sensazione di sbandamento alla testa e molte volte ho proprio una sensazione come se dovessi svenire da un momento all’altro. Visto che eravamo in piena estate e tra ferie e vacanze non sono più riuscita ad andare dal mio medico curante, non so ancora bene di cosa si tratti! Vi avevo detto anche che sono una persona molto ansiosa e ipocondriaca e allora ho preso un primo appuntamento con una psicoterapeuta perché sinceramente non riesco più a controllare questa mia ansia’ da sola e quindi vorrei provare a fare un percorso. Detto questo, io ho effettuato degli esami del sangue generici a marzo, secondo voi sarebbe il caso di ripeterli dopo quasi 6 mesi? Premetto che in questi mesi ho fatto delle visite e mi hanno diagnosticato un reflusso Gastroesofageo, una tiroidite cronica autoimmune e come se non bastasse una carenza di vitamina D.

Vi ringrazio!

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che la sensazione di sbandamento o di svenire sia di origine ansiosa, in tal caso, riferiti agli sbandamenti, si parla di pseudovertigini.
Ne parli col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Grazie per la risposta! Per la questione esami del sangue invece potrebbe darmi un suo parere? È il caso di ripeterli a distanza di quasi 6 mesi per vedere se sono magari cambiati dei valori o pure non è il caso? Ovviamente lo chiederò anche al mio medico curante!

La ringrazio

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dopo sei mesi potrebbe ripetere gli esami del sangue.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, volevo informarla che martedì sono andata dal mio medico curante e le ho spiegato i miei disturbi . Mi ha prescritto una prima visita neurologica e visto che sa che sono una persona molto ansiosa mi ha messo priorità urgente, ma ahimè me l’hanno dovuta prenotare per il 27 settembre perché sono tutti pieni. In più per la mia sensazione di sbandamento/vertigini mi ha prescritto il Vertiserc da prendere dopo colazione e dopo cena. Per altri esami del sangue mi ha detto di aspettare prima la visita e poi nel caso di rifarli. Volevo sapere anche un suo parere gentilmente!

La ringrazio

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

concordo riguardo la visita neurologica in quanto un parere specialistico diretto può ovviamente essere utile.
Segua le indicazioni del medico curante.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Grazie dottore! Una volta fatta la prima visita neurologica, posso farle sapere anche a lei l’esito? Così da avere due pareri?

La ringrazio!

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certamente, può farmi sapere l’esito della visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Buonasera, il 27 settembre ho effettuato la visita neurologica e le riporto qui sotto il referto:

EON odierno, vigile, collaborante, orientata. Non deficit simbolici del linguaggio. MOI e MOE nei limiti. Indenni i restanti nervi cranici. Mingazzini I mantenuta con minimo slivellamento a sx, Mingazzini II mantenuta. ROT presenti e simmetrici, tendenzialmente vivaci ai 4 arti. SCP in flessione bilat. Non dismetria alle prove I/N e T/G. Ipoestesia tattile all’arto superiore sinistro. Romberg negativa. Deambulazione nella norma. Nega deficit sfinterici.

Mi ha consigliato di effettuare una RMN encefalo e rachide cervicale con mdc che ho già prenotato e che dovrò fare il 9.

Potrei avere anche un suo parere?

La ringrazio!

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

alla visita neurologica è stata riscontrata una sfumata perdita di forza all'arto superiore sinistro associata a lieve riduzione della sensibilità tattile. In base a questi due reperti concordo con il collega neurologo riguardo la richiesta della RM encefalica e cervicale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Buongiorno dottore e grazie per la risposta celere. Le volevo chiedere un’altra cosa: dopo questo esito della visita neurologica, si può presupporre pure una sorta di labirintite? Perché, come avevo già scritto in precedenza, ho iniziato a soffrire un po’ di vertigini, ma questo non succede tutti i giorni e nemmeno per tutto il giorno. O anche in questo caso sarebbe meglio approfondire e fare un’altra visita con l’otorinolaringoiatra?

La ringrazio!

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dagli elementi emersi dalla visita neurologica che abbiamo non è possibile escludere o meno una labirintite.
In base a questo sospetto è indicata una visita otorino.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente
Buongiorno dottor Ferraloro, mercoledì ho fatto le due RMN che mi aveva prescritto il neurologo e saprò i risultati mercoledì della prossima settimana.
Le volevo chiedere solo una cosa e mi rendo conto che magari risulterà una domanda parecchio stupida: ma facendo una risonanza all’encefalo, se il soggetto in questione soffre di ansia, risulta qualcosa anche lì?

La ringrazio e scusi ancora per la domanda!

[#19]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, l'ansia non causa alterazioni encefaliche visibili alla RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente
Buongiorno dottor Ferraloro, torno a scriverle in quanto mercoledì 16 ho rifatto la visita neurologica di controllo e ritirato il referto delle RMN. Purtroppo come sospettavo ho dei focolai attivi nella sostanza bianca e quindi ho una forma di SM. La neurologa mi ha detto che visto i miei disturbi è un forma lieve perché ha espressamente detto che non esiste una forma benigna di sclerosi multipla. Lei che ne pensa? Comunque lunedì sarò ricoverata e per 5 giorni dovrò fare una prima terapia a base cortisonica.

La ringrazio!

[#21]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

visto l’esito della RM che la neurologa ha visionato direttamente concordo con quanto detto dalla collega.
Faccia la terapia cortisonica e non si faccia prendere dallo sconforto perché oggi con le forme lievi si può vivere una vita assolutamente normale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta celere!
Adesso sinceramente mi sento quasi sollevata perché so effettivamente cosa ho e come affrontare il tutto.
Inizierò questo percorso e spero vada bene!
Se vuole, la terrò informata.

La ringrazio nuovamente!

[#23]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Lei preferisce.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente
Buongiorno dottor Ferraloro, torno a scriverle per degli aggiornamenti. Alla fine non ho più fatto il ricovero che le dicevo perché il mio medico non ha voluto e quindi, dopo avergli spiegato il tutto, mi ha rifatto un’altra impegnativa per un'altra visita neurologica cambiando struttura ospedaliera. Fatta la visita, il nuovo neurologo ha detto che questi focolai possono essere dovuti pure ad altre patologie sempre derivanti dal sistema centrale nervoso. Dopo un piccolo colloquio, in cui ho chiarito tutta la mia situazione e anche la perdita di peso che ho avuto da marzo in poi, mi ha prescritto degli esami del sangue: Emocromo/emocisteina, vitamina B12 e folati. I valori sono tutti nella norma, tranne i folati che sono bassi.
Questa carenza di acido folico quindi cosa comporta esattamente? Può essere già un iter per avere conferma definita di una SM?

La ringrazio!

[#25]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una carenza di acido folico, oltre una possibile anemia, può rappresentare un fattore di rischio vascolare. Sarebbe stato utile pure il dosaggio dell'omocisteina nel sangue.
Non c'è comunque una correlazione diretta tra carenza di acido folico e SM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente
Buongiorno dottor Ferraloro, torno a scriverle dopo qualche mese per aggiornarla sulla mia situazione.

Alla fine ho fatto il mio ricovero programmato e sono stata dimessa dall’ospedale ieri mattina. Mi hanno fatto una rachicentesi, uno screening autoimmune e infettivo, un’altra RM con mezzo di contrasto all’encefalo, midollo, cervicale e dorsale, una visita oculistica con focus e i potenziali evocati. Mi hanno confermato quello che già pensavo: ho una forma di sclerosi multipla RR e da fine febbraio dovrò iniziare una terapia che consiste in punture intramuscolari 3 volte a settimana. La mia neurologa mi ha già fatto anche l’esenzione per questa patologia.

Le volevo solo chiedere una cosa: dopo la puntura lombare ovviamente sono rimasta 24 ore sdraiata e ho cercato di bere il più possibile, nei giorni seguenti ho iniziato ad avere degli attacchi di cefalea, seguiti da nausea e a volte anche vomito. Mi hanno detto che sono i postumi della puntura. Ma quanto possono durare ancora? Perché dopo una settimana io li ho ancora!

Vorrei avere anche un suo parere!

La ringrazio

[#27]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la cefalea conseguente a rachicentesi mediamente dura da 2 a 8-10 giorni, questi sono i tempi medi ma potrebbero prolungarsi, in questo caso si rivolga al medico che ha effettuato la rachicentesi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro