Utente
Buonasera.
Nella primavera del 2019, al tatto, ho riscontrato una protuberanza rigida (ossea) situata ietro la nuca leggermente sul lato dx.
al tatto pareva di dimenisioni abbastanza modeste (sono certo che nel recente passatonon vi fosse).
il medico di base mi ha richiesto tac che ho effetuato 1 luglio 2019.il referto non fa riferimento (pur essendo visibile nel cd) a tale malformazione.
Ho provveduto a far visita ad un neurochirurgo in quanto oltre 30 anni prima sul frontale sinistro avevo subito l'asportazione di un osteoma cranico a forma di uovo di piccione.
Il neurochirugo mi ha indicato di ripetere la ta cogni anno o prima se avessi notato cambiamenti o dolori riconducendo ad unapossibile malformazione genetica l'episodio di 30 anni prima con l'attuale.
più recentemente ho notato che al tatto la protuberanza a forma di piccola sfera sia leeggermente cresciuta.
a seguito della verifica del "corno" rilevo leggerissima dolenzia diffusa intorno all'osso stesso come se fosse particolarmente infiammato.
Chiederei cortesemente un consiglio su come procedere e se in effetti l'esame elettivo sia la tac oppure far precedere da una visita neurochirugica più accurata.
Grato per quanto postrete offrirmi.
Buon lavoro.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

assolutamente condivisibile il consiglio del neurochirurgo, per cui la TC in questi casi è l’esame di prima scelta.
Poi faccia la visita neurochirurgica, ovviamente portando allo specialista le immagini dell’esame.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro