Attivo dal 2020 al 2020
Buondì, vorrei chiedere a voi neurologi le 2 seguenti domande:
1) la condizione di emicrania con aura costituisce di per se’ un fattore di rischio per eventi cerebrovascolari?


2) se costituisce un fattore di rischio, ciò a cosa è dovuto?


Io vi ringrazio in anticipo e vi auguro un buon fine settimana

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
è stato osservato statisticamente da anni che i soggetti affetti da emicrania con aura presentano, maggiormente le donne che gli uomini, un rischio doppio di avere nel corso della vita un ictus ischemico rispetto ai soggetti affetti da emicrania senza aura, anche se in totale è un rischio comunque basso, così come è stato anche rilevato in questi stessi pazienti un aumentato rischio per eventi cardio-vascolari. Il legame associativo non è tuttora stato definitivamente chiarito.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Dunque negli uomini il rischio è pressoché uguale alla popolazione generale?

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Lievemente più alto, sia per ictus che per eventi cardio-vascolari
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie per la risposta
Le chiedo una ultima cosa:
Se si potesse quantificare Tale rischio con una percentuale Esso a quanto corrisponderebbe?

[#5]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Il rischio è inquantificabile e continuare a porre iterativamente la stessa domanda non le chiarisce le idee e non giova di certo al suo umore. Si affidi ad uno specialista che si faccia carico del suo problema emicranico e del suo evidente correlato emozionale.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it