Utente
Buongiorno,

Espongo il mio problema.
Ho 25 anni, Qualche giorno fa mentre ero al lavoro, ho accusato giramenti di testa e perdita dell’equilibrio (verso destra).
Al pronto soccorso mi hanno mandata in un altro ospedale per un consulto neurologico, mi fanno una tac con contrasto da cui non si rileva nulla se non una vena che va al cervelletto più piccola del normale e quindi mi ricoverano per capire se è una condizione con cui sono nata oppure se si è trattato di un piccolo ictus.

Durante il ricovero mi fanno esami del sangue tutti perfetti (a parte il TSH lievemente elevato), eco color doppler a tutti i vasi del collo, del cranio ecc ma risulta tutto a posto, un’ecografia del cuore perfetta e un’altra tac (senza contrasto) da cui continua a non vedersi nulla se non quello già visto in precedenza.

Quindi mi dimettono con la cardioaspirina in attesa di fare su loro chiamata una risonanza magnetica.

A casa però continuo ad avere dei giramenti di testa, sopratutto quando sono seduta e in piedi, mentre da sdraiata il tutto sembra diminuire.

Ora, credo che se ci fosse stato qualcosa di grosso, nelle tac per quanto non specifiche come la risonanza sarebbe venuto fuori giusto?

Ho il terrore che o sia sfuggito qualcosa ai medici (tipo coagulo piccolo o anche un tumore del cervello) oppure non so, perché altrimenti non mi spiego questi sintomi che persistono... so che dovrei aspettare la risonanza, ma sono molto in ansia.


Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
alquanto difficile cercare di comprendere esattamente che cosa sia stato rilevato dalla TAC effettuata in ospedale e che l'ha lasciata in bilico fra una diagnosi di ictus o di anomalia vascolare congenita. Tuttavia, il persistere della fenomenologia clinica costituita da disturbo dell'equilibrio merita di essere ulteriormente approfondita, ed al riguardo la cosa migliore sarebbe una risonanza magnetica con sequenze angiografiche.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it