Utente 478XXX
Salve,sono mamma di un.bimbo si tre anni al primo anno di materna.
Per noi non è iniziata al massimo ma nonostante tutto abbiamo fatto un inserimento senza problemi.
Lui è un bimbo molto introverso e ha solo me e papà come figure di riferimento.
Le maestre m hanno fatto notare un certo suo disagio a stare con i compagni.
Viene spesso emarginato, si pensa al fatto che lui non parli ancora bene.
All attività partecipa in modo attivo e a tutte ma col tempo tende ad isolarsi nelle ore di gioco libero. Lui ovviamente avverte questo disagio e il non essere parte del gruppo.
Quando lo porto la mattina o lo vado a riprendere lo trovo sempre ad un tavolo distante.
Le maestre mi hanno riferito un problema secondo loro di autostima.
Lui ora capisce che interagire con i suoi coetanei significa anche affrontare un discorso e lui non si sente all altezza
Vorrei sapere da voi come poter intanto agire in casa per aiutarlo e poi a quale figura di riferimento è meglio rivolgermi, se ad una logopedista o ad un neurospichiatra infantile.
Vi ringrazio in attesa di un.vostro punto di vista

[#1] dopo  
Dr. Rosamaria Bruni

24% attività
12% attualità
16% socialità
ANDORRA (AD)
SPAGNA (ES)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile mamma,

Potrebbe iniziare con una psicologa infantile.
Che il bimbo disegni libermament sopratutto
Il disegno dell' albero e la sua interpretazione ci fa comprendere come suo figlio si sente e si considera la relazione con il mondo etc.

Mi faccia sapere!
Dr.ssa RosaMaria Bruni
Neuropsichiatra Infantile