Utente 486XXX
Buongiorno a tutto lo staf di medicitalia,
scrivo in merito alla possibilità che mia figlia di tredici anni, sia autistica.
Di recente nell'ospedale in cui lavoro un bambino ha presentato numerosi sintomi di autismo. Come medico curante mi sono informato della grande varietà dei sintomi e ho notato che nel comportamento di mia figlia sono presenti diversi di essi.
Fino all'età di 8 anni ha sempre camminato senza pestare le righe tra una mattonella e l'altra ed ha smesso solo dopo forti sollecitazioni, da parte mia e di mia moglie. Di recente però ha ricominciato a farlo in specifici giorni della settimana ed ad una determinata ora.
L'anno scorso abbiamo cambiato l'auto e quella vecchia ha subito un grave incidente, si che lei l'ha definita morta ed ha pianto la sua scomparsa per diverse settimane.
Mostra affetto per molti oggetti e fa fatica a separarsene (ha usato il biberon fino a nove anni, il seggiolino fino a undici e tuttora dorme con i suoi pupazzi).
Mostra un'eccessiva resistenza al cambiamento, a tal punto che indossa sempre gli stessi vestiti, si siede sempre allo stesso posto in auto e a tavola e preferisce fare sempre la stessa strada per andare a scuola.
Quando io o mia moglie usciamo per portare a spasso il cane lei attiva un cronometro e registra il tempo impiegato, se non torniamo a casa entro dodici minuti e ventisette secondi telefona e da quel momento ripete l'operazione ogni due minuti.
Riguardo alla scuola i professori mi dicono che a ricreazione preferisce rimanere seduta piuttosto che chiacchierare con i compagni e finora non ha mai sostenuto un discorso, arrivando al massimo a rispondere alle domande basilari poste dai compagni, anche se nelle interrogazioni se la cava piuttosto bene.
In pullman siede da sola e durante le uscite didattiche sembra essere perennemente agitata e innervosita.
Presenta alcune stereotipie quali "far vibrare" i piedi mentre è seduta o spostare il peso da una gamba all'altra quando è in piedi, finanche suonare qualsiasi cosa, dall'aria al tavolo su cui mangia.
La sera si addormenta notoriamente troppo tardi, mai prima delle 11 e la mattina si sveglia prima delle 6, ma spesso anche alle 5 e non si riaddormenta fino alla sera successiva.
Fin dalla materna si è dimostrata aggressiva nei confronti dei compagni, ed il suo comportamento è peggiorato in terza elementare. Dai 10 anni presenta atteggiamenti autolesionistici.
Non presenta grandi abilità ne interessi per gli sport di squadra mentre priferisce quelli individuali che la tengono maggiormente occupata.
Durante i viaggi in auto passa il tempo a fissare "l'asfalto che se ne va via".
Non parla mai delle sue emozioni, delle necessità o dei problemi, come le malattie o gli infortuni.
Spero che possiate fornirmi maggiori informazioni in merito alle condizioni di mia figlia e fornirmi qualche consiglio sul luogo in cui farla vimitare.
Cordiali saluti,
Dottor Alcide Degasperi

[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

alcuni comportamenti che Lei ha descritto mi hanno fatto riflettere su degli aspetti importanti.

Lei scrive: "ha usato il biberon fino a nove anni, il seggiolino fino a undici e tuttora dorme con i suoi pupazzi"

Come mai Lei e Sua moglie o altri componenti della famiglia avete permesso per anni che una bambina grande usasse il biberon, il seggiolino? Ha forse qualche problema questa bambina?

A casa com'è il comportamento della ragazzina?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Innanzi tutto i consulti sono stati scritti entrambi da mio figlio autistico di nove anni. In ogni caso sono d'accordo con lui che anche la sorella presenta alcuni sintomi di autismo, se pure di minore gravità rispetto al fratello.
Riguardo al biberon la psicologa di mio figlio ha consigliato di farlo usare anche a lei, per mostrare al piccolo che era normale farlo (lui si rifiutava di fare colazione se non con il caffè nella tazza e questa soluzione si è dimostrata ottimale). Per il seggiolino l'altezza minima è di 150cm e lei è ancora alta 1,38m (la pediatra dice che è normale che sia ancora così minuta e di fatto non ha ancora iniziato lo sviluppo). Riguardo ai pupazzi lei è molto affezionata e non vuole separarsene, inoltre, provando a toglierglieli, rimane sveglia per tutta la notte.
Per il resto i sintomi descritti da mio figlio sono più o meno corretti.
A casa riesce a comunicare, seppur con frasi piuttosto brevi e discorsi molto semplici, spesso composti di frasi già fatte. Spesso allinea i suoi giocattoli e fa girare le ruote delle macchinettè senza interessarsi alla macchinetta in sé. Oltre a questo la sua scrittura è molto particolare: tutte le lettere sono tra loro identiche e si pone il problema di quanto debbano essere alte, di quanto spazio debba esserci tra una parola e l'altra... È presente inoltre il problema delle righe già descritto in precedenza ed il fatto che spesso si incanta a guardare un punto fisso nello spazio, alle volte agitando le mani in maniera apparentemente incomprensibile (a volte sembra suonare).