Utente 503XXX
Consigli e spiegazione Eeg con privazione del sonno. Salve vi scrivo per avere un parere sul risultato dell esame svolto da mia figlia di 11 anni a seguito di una crisi epilettica. La crisi ha avuto luogo durante il sonno ed è stata ricoverata per 48 ore in ospedale dove gli hanno fatto esami del sangue ed eeg con risultati nella norma ma richiedendo un eeg con privazione del sonno con i seguenti risultati.
oSSERVAZIONI: Tracciato eseguito dopo riferita deprivazione di sonno. Si registrano fasi di veglia interrotta
da episodi di sonnolenza senza che si abbia un passaggio a fasi di sonno. Attività di fondo alfa a 9 Hz, di
media ampiezza, irregolare, posteriore, simmetrico, reagente. In ripetute occasioni, sia a riposo che durante
HP e SLI, si registrano brevi sequenze di onde aguzze survoltate, talora seguite da onda lenta, ad
espressione parieto-occipitale bilaterale.
CONCLUSIONI: anomalie parossistiche di significato specifico ad espressione parieto-occipitale
Visto che il neuropsichiatra che L ha in cura per un disturbo dello spettro autistico è in ferie vorrei se possibile una spiegazione e dei consigli sul risultato ottenuto
Ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'EEG conferma la presenza nell'encefalo di attività bioelettrica epilettogena,
Se deve aspettare ancora molti giorni per il ritorno del medico che la segue è forse opportuno consultare un altro specialista.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Ma immagino nell ordine della decina di giorni consiglia di aspettare se si quali precauzioni mi consiglia
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Una crisi epilettica notturna può anche restare unica per tutta la vita, oppure può ripresentarsi, non possiamo prevedere quando.
La presenza di un eeg con attività parossistica consiglierebbe l'introduzione di una terapia specifica, ma lei capisce che su queste decisioni non è possibile,a distanza, dare consigli.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-