Utente 507XXX
Salve, sono papà di una bambina di 2 anni e mezzo.
Lo scorso anno ha frequentato l'asilo nido e non ha avuto problemi. Quest'anno ha iniziato la materna, ha pianto il primo giorno e poi nei giorni seguenti solo un po' durante il distacco e poi si tranquillizzava.
Tutto bene per 4 giorni, fino a quando il 5° giorno la maestra ci comunica che per un numero elevato di bambini è costretta a chiedere il trasferimento di alcuni, tra cui mia figlia.
Anticipo che ha preso la maestra e la bidella subito in simpatia perché a casa mi chiede sempre di loro. È possibile che in quattro giorni una bimba di questa età si attacchi così a Delle persone mai viste prima, da cercarle anche a casa?

Comunque Iniziamo l'inserimento in un'altra scuola con compagni e maestra diversi e da quel giorno un disastro. Mia figlia non dorme più la notte e si sveglia piangendo durante il sonno pomeridiano; è nervosa e piange ininterrottamente per ogni cosa che le viene imposto.
Da questo, visto che mia figlia in due anni ha avuto due episodi di sincope, a causa di stress ed emotività; ho appena chiesto il trasferimento in un'altra scuola, dove troverà qualche compagnetto che come lei è stato costretto a cambiare e magari riesce a superare questo trauma.

Il consiglio che chiedo è: prima di portarla in un altro (terza scuola) ambiente nuovo, aspetto un paio di giorni/settimane che si calmi dal trauma che ha avuto? O mi consigliate di andare a parlare con la preside della prima scuola e chiedere il reinserimento nella prima classe?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Leano Cetrullo

24% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANNICANDRO DI BARI (BA)
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Gentile Signore,

i bambini possono essere anche traumatizzati da cambiamenti di vita e di scuola repentini e possono manifestare episodi di ansia e depressione per quello. E' difficle dire se sia traumatizzata o meno perchè potrebbe anche essere un periodo trasitorio e reattivo alla perdita di scuola, maestre e compagni. Essendo molto piccola il genitore è bene che calcoli una posizione/locazione scolastica che possa creare il minor disagio possibile alla bambina. Il pianto, l'insonnia e il nervosismo posso, ma possono anche non essere correlati al distaccamento con la scuola. Infatti lei scrive che comunque a livello temperamentale è una bambina molto emotiva e probabilmente ansiosa visto il passato costellato da sincopi.

Qualsiasi scelta deve tutelare la bambina e magari vista l'età molto delicata e la fragile emotività sarebbe meglio consultare uno psicologo, in modo che possa valutare al meglio le condizioni della piccola e quindi aiutarvi a fare la scelta più adatta.
Cordiali Saluti
Dr. Leano Cetrullo
Psicologo e Criminologo
Membro della American Psychological Association (APA)