Utente 700XXX
Gentili Dottori,

ho 45 anni, da 5 sono affetto da fascicolazioni e da rigidità muscolare, soprattutto alle cosce, ho inoltre iperiflessia ,comparsa 6 mesi dopo i primi sintomi (all'inizio infatti i riflessi erano normali), non ho debolezza muscolare, ma solo una lieve ipotrofia fra indice e pollice del palmo della mano sinistra comparsa sempre 5 anni fa.

Nel corso delle indagini effettuate (RMN) mi è stata riscontrata un'ernia cervicale in posizione C6 C7 ed alcune piccole lesioni in sede cerebrale. Normali le elettromiografie ed i potenziali evocati.

Vi riporto, in particolare un estratto dei referti delle ultime tre risonanze encefaliche, al fine di acquisire un vostro parere in merito alla evoluzione delle lesioni cerebrali
Risonanza: 2008: nulla da segnalare
Risonanza 2009:
non sono evidenti significative alterazioni di segnale del parenchima encefalico (piccola areola focale di significato gliotico a livello della sostanza bianca frontale sottocorticale opercolare destra)
Risonanza 2011:
assenza di lesioni a focolaio nel parenchima cerebrale;
appare invariata l'area di tipo gliotico segnalata nel precedente esame nella sostanza bianca sottocorticale in sede frontale destra; all'esame odierno sono riconoscibili altre minute areole di tipo gliotico di pochi millimetri di diametro nella sostanza bianca sottocorticale in sede fronto-parietale bilateralmente.

Nel ringraziare tanto per l'attenzione porgo cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Pasqualetto

24% attività
0% attualità
4% socialità
SORRENTO (NA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Le risonanza da sole , o meglio le alterazioni segnalate, non sono specifiche ed indicative di patologia. Sono sensibili...ma i reperti vanno inquadrati nel contesto clinico del paziente. Immagino lei abbia fatto già una visita neurologica e/o ricovero in un reparto di neurologia. Il tutto anche per inquadrarla dal punto di vista laboratoristico e clinico. C'è bisogna che ci sia un sospetto clinico anche per indirizzare ulteriori esami quale può essere anche una risonanza funzionale.
Dr. Luigi PASQUALETTO