Utente 234XXX
Salve, ho fatto fare un EEG in veglia e sonno a mio figlio di 6 anni affetto da sd.

Il referto dice:
DESCRIZIONE
Tracciato registrato in veglia e sonno fisiologico.
Ritmo di fondo a 8 hz, simmetrico, reagente e ben organizzato.
Già in veglia sono presenti anomalie a tipo Punta Onda bisafiche di piccolo voltaggio a localizzazione paracentrale e parientale destra con tendenza alla diffusione temporale omolaterale. Si giunge fino alla fase 3 del sonno con attivazione delle anomalie descritte con presenza anche di opposizione di fase in P4. Modesta rappresentazione delle figure ipniche: occasionali spindles e onde al vertice.
La SLI non modifica il tracciato.
CONCLUSIONI
Presenza di anomalie parieto-temporali destre più attive in sonno.

Qualcuno mi sa spiegare cosa significa? Quali possono essere le conseguenze e/o i problemi?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il reperto riscontrato all'EEG indicherebbe delle "anomalie epilettiformi" che non significano che il bambino sia affetto da epilessia se non ci sono elementi clinici che la fanno sospettare, cioè se non si manifestano crisi.
Tale reperto, infatti, non è raro a riscontrarsi anche in soggetti perfettamente normali.
Perchè è stato fatto l'esame?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 234XXX

IN GRAVIDANZA ERA STATO SEGNALATO: AGENESIA DEL CORPO CALLOSO, TERZO VENTRICOLO DEL CERVELLO DILATATO, CRESCITA INTRAUTERINA RITARDATA, ASSEGNA DEL FLUSSO SANGUIGNO TRAMITE CORDONE OBELICALE.

A SEGUITO DI CIO', RICOVERO D'URGENZA CON PARTO. ALLA NASCITA SMENTITA QUALSIASI ANOMALIA SOPRACITATA.

BAMBINO NATO DA PARTO CESAREO D'URGENZA ALLA 34+3 SETTIMANA, IN DATA 04-09-2007, AFFETTO DA SD, E PROBLEMI CARDIOLOGICI, DIV E DOTTO DI BOTALLO (CORRETTO CHIRURGICAMENTE IN DATA 15-10-2007)

EFFETTUATO IN DATA 02-04-2013 RM CEREBRALE DIRETTA
L'ESAME FA RILEVARE SPAZI PERIVASCOLARI POSTERIORI NEI CENTRI SEMIOVALI PIU' AMPI CHE DI NORMA, NON ALTERAZIONI DEL SEGNALE DELLA SOSTANZA BIANCA, ALTRO SPAZIO PERVIVASCOLARE AMPIO PERIVENTRICOLARE FRONTALE DX, I VENTRICOLI NEL COMPLESSO PRESENTANO VOLUMETRIA UN PO' PIU' AMPIA CHE DI NORMA RISPETTO ALL'ETA'.
DUE MINIME ISOLATE AREOLE IPERINTENSE IN SEDE SOTTOCORTICALE FRONTALE A SINISTRA, COMPATIBILI CON MINUTI ESITI.
LINA MEDIAN IN ASSE, CORPO CALLOGO DI REGALORA CONFORMAZIONE E SVILUPPO.
COME REPERTO CEREBRALE SI SEGNALANO MULTIPLE LINFONODI LATEROCERVICALI INGROSSATI BILATERALMENTE, REPERTO PIU' EVIDENTE A DX.

EFFETTUATO IN DATA 23-04-2013 EEG
VIDEOEEG REGISTRATO IN VEGLIA.
TRACCIATO PRESSOCHE' ILLEGGIBILE PER LA PRESENZA DI ABBONDANTISSIMA ATTIVITA' ARTEFATTUALE DA MOVIMENTO.
SI IDENTIFICA UN RITMO DI FONDO PREVALENTE AL VERTICE A 8 HZ E NELLE POCHE PAGINE INTERPRETABILI NON SI IDENTIFICANO GRAFOELEMENTI PAROSSISTICI.

EFFETTUATO IN DATA 28-05-2013 VISITA CON UN NEUROCHIRURGO PER LETTURA ESAMI PRECEDENTI
IL BAMBINO PRESENTA UNA MINIMA DILATAZIONE VENTRICOLARE SENZA SEGNI D'IPERTENSIONE ENDOCRANICA.
PER DUBBIE IMMAGINI PARENCHIMALI, SI CONSIGLIA DI RIPETERE TRA UN ANNO UNA NUOVA RMN CEREBRALE SENZA E CON GADOLINO E ANGIO-RMN ARTESIOSA E VENOSA.
SI CONSIGLIA INOLTRE DI ESEGUIRE DELLE SCALE DI VALUTAZIONE PSICOMOTORIA.

TRA SETTEMBRE E OTTOBRE 2013, IL PEDIATRA DI BASE ASSIEME ALLA NEUROPSICHIATRA, HANNO DECISO SI ANTICIPARE L'ESAME RICHIESTO DAL NEUROCHIRURGO (PREVISO IN PRIMAVERA 2014) A PRIMA DELLE FESTIVITA' NATALIZIE DEL 2013 CON L'AGGIUNTA DEL EEG IN VEGLIA E SONNO; A CAUSA DI REGRESSIONE DEL QUADRO NEURO CLINICO CON PERDITA DI TAPPE DI MATURAZIONE GIA' ACQUISITE.

EFFETTUATO IN DATA 13-12-2013 EEG IN VEGLIA E SONNO
TRACCIATO REGISTRATO IN VEGLIA E SONNO FISIOLOGICO.
RITMO DI FONDO A 8 HZ, SIMMETRICO, REAGENTE E BEN ORGANIZZATO.
GIA' IN VEGLIA SONO PRESENTI ANOMALIE A TIPO PUNTA ONDA BIFASICHE DI PICCOLO VOLTAGGIO A LOCALIZZAZIONE PARACENTRALE E PARIENTALE DESTRA CON TENDENZA ALLA DIFFUSIONE TEMPORALE OMOLATERALE.
SI GIUNGE FINO ALLA FASE 3 DEL SONNO CON ATTIVAZIONE DELLE ANOMALIE DESCRITTE CON PRESENZA ANCHE DI OPPOSIZIONE DI FASE IN P4.
MODESTA RAPPRESENTAZIONE DELLE FIGURE IPNICHE: OCCASIONALI SPINDLES E ONDE AL VERTICE.
LA SLI NON MODIFICA IL TRACCIATO.
PRESENZA DI ANOMALIE PARIETO-TEMPORALI DESTRE PIU' ATTIVE IN SONNO.

EFFETTUATO IN DATA 17-12-2013 ANGIO-RM INTRACRANICA DIRETTA E RM CEREBRALE SENZA E CON CONTRASTO
NEI CONFRONTI CON PRECEDENTE DEL 02-04-2013 NON MODIFICAZIONI DEI REPERTI, IN PARTICOLARE:
REGOLARI SEGNALE E MORFOLOGIA DI SOSTANZA BIANCA E GRIGIA SOTTO-SOVRATENTORIALI SE SI ECCETTUA AREOLA LACUNARE SOTTOCORTICALE FRONTALE DESTRA RIFERIBILE A SPAZIO PERIVASCOLARE E DUE MINUTE AREOLE IPERINTENSE IN SEDE SOTTOCORTICALE FRONTALE RIFERIBILI AD ESITI.
NON SI EVIDENZIANO ANOMALI ENHANCEMENT DOPO MDC (ACIDO GADOTERICO).
REGOLARI LE PRINCIPALI DIRAMAZIONI ARTERIORE E VENOSE INTRACRANICHE.
UN PO' AMPI I VENTRICOLI LATERALI SENZA PERALTRO EVIDENZA DI SEGNI DI TRASUDAZIONE SUBEPENDIMALE.
LINEA MEDIANA IN ASSE.

EFFETTUERO' IN DATA 21-01-2014 VISITA CON UN NEUROCHIRURGO PER LETTURA ESAMI



[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dopo una lettura attenta del referto della RM encefalica con sequenze angio, mi pare di capire che non siano state riscontrate problematiche importanti.
L'unica anomalia potrebbe essere il lieve ampliamento dei ventricoli laterali ma senza segni di idrocefalo. Tale reperto non giustificherebbe la sintomatologia riferita che a quanto pare andrebbe ricercata altrove.
Vedo che Lei si rivolge spesso al neurochirurgo ma non sembra che ci siano problematiche in tal senso, almeno da quello che si può cogliere da questa postazione.
A mio avviso lo specialista di riferimento potrebbe essere il neuropsichiatra infantile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 234XXX

Il neuropsichiatra lo segue già da diversi anni.

Il neurochirurgo, lo segue in quanto è la persona che abbiamo in contatto più idonea a leggere tale referti.