Utente 431XXX
Salve
ho una ernia recidiva L5-S1 e
vorrei qualche dettaglio sulla Interventistica spinale con chemiodiscolisi con ozono intradiscale e infiltrazioni periganglionare periradicolare.
E' una tecnica sicura? E' usata? Con che grado di successo?
Grazie
Fabio

[#1] dopo  
Dr. Francesco Diana

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Gentile Utente,
l'Ossigeno-Ozonoterapia è una tecnica utilizzata a scopo decontratturale, antiflogistica ed antalgica. Nel caso dell'ernia del disco la funzione è anche quella ossidativa, in quanto l'ozono permette la disidratazione del nucleo polposo del disco intervertebrale (la porzione di disco che ernia).
La recidiva (o fibrosi) post-chirurgica dell'ernia del disco è una indicazione al trattamento.
Le percentuali di successo nel risolvere il "mal di schiena" è alta (75 ÷ 80%); naturalmente il trattamento dev'essere seguito da una buona terapia riabilitativa. Questo perchè la procedura interventistica ha lo scopo di velocizzare un processo che naturalmente di disidratazione che in un'alta percentuale dei casi si verifica, ma molto lentamente.
Diverso è il caso in cui il paziente ha dei sintomi diversi dal dolore. Perdita repentina di forza o di sensibilità ad un arto, indicano un trattamento chirurgico.
Cordiali saluti.
Francesco Diana, M.D.
Interventional Neuroradiology,
Policlinico Umberto I, Sapienza University of Rome, Italy