Rossore persistente

Egr. Dott,
vorrei chiederLe un consulto riguardo ad un rossore all'occhio sx che persiste da più di un anno; ho fatto numerose visite specialistiche in cui non è stato riscontrato alcun problema all'occhio,ma tuttavia mi sono stati prescritti numerosi colliri che ho applicato in diverse fasi in questo lasso di tempo al fine di alleviare questo rossore, che la maggior parte delle volte è accompagnato da un lieve prurito. I colliri non hanno avuto alcun effetto positivo. C'è da dire che utilizzavo lenti a contatto morbide quasi tutti i giorni e anche se ora da più di 3 mesi non le uso più il problema persiste. Le assicuro che ho fatto numerose visite anche da specialisti di rilievo nel panorama italiano ma sembra un problema insormontabile. Nell'ultima visita si è arrivati alla conclusione che è un problema causato da un'intollerabilità alle lenti e, a parere del mio oculista, i tempi di guarigione si aggirano intorno ai 2 anni. Dato che mi sembra più una diagnosi "tanto per trovarne una",anche se è possibile che sbagli, vorrei chiederLe appunto se secondo lei può essere che sia vero oppure se mi consiglia altri esami, anche perchè l'occhio è si rosso, ma da non molto tempo è presente anche un lieve abbassamento della palpebra. Non dico che inizio a preoccuparmi ma poco ci manca, sarei felice se potesse darmi qualche consiglio in merito, qualche ricetta naturale antinfiammatoria, ad es- avevo sentito gli impacchi alla camomilla, non lo so mi dica Lei, io inizio a preoccuarmi
[#1]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
Carissimo,
non mi preoccuperei pià di tant,il suo problema è sicuramente ascrivibile ad una neovascolarizzazione da malmenage delle lenti a contatto!
Tali neovasi ,una volta formati,irreversibili!!
Poi non si deve dimenticare che le LAC morbide non possono essere portate per più di sei ore di continuo.
Sono tanti i meccanismi patogenetici che entrano in causa nella patologia oculare in portatori di lenti a contatto.
Potremo comunque riassumerli i sette punti essenziali:
1) inidoneità locale o generale
2) fattori lesivi ambientali
3) applicazione errata
4) manutenzione errata o insufficiente
5) infezioni
6) complicanze allergiche
7) le sindromi da uso eccessivo.
Non dimentichiamio poi la sindome da superindossamento delle lenti a contatto ovvero(OVER WEARING SYNDROME) con possibile insorgenza di SINDROME IPOSSICA CRONICA.
La sindrome ipossica cronica si presenta nelle seguenti condizioni:
a) Uso di LAC protratto nel tempo e per un elevato numero di ore al giorno (porto prolungato).
b) Uso protratto di LAC a porto permanente.
c) Applicazione di LAC morbide e, meno frequentemente, non flessibili, con raggio di base troppo stretto
(LAC strette).
d) Uso di LAC morbide in soggetti con cornee predisposte alla neovascolarizzazione o dove sono già presenti
neovasi.
Il quadro è dominato dalla neovascolarizzazione corneale. L'insorgenza dell'intolleranza è tardiva e subdola.
Clinicamente questa seconda forma non si riscontra mai senza la presenza anche di un certo grado d’edema.
I sintomi soggettivi sono scarsi o del tutto assenti all'inizio. La maggior parte delle forme iniziali è, di fatto, un
rilievo casuale.
Inoltre il perdurare dell'ipossia produce una marcata ipoestesia
I primi sintomi dell'ipossia cronica sono spesso disturbi visivi: diffrazione delle fonti luminose puntiformi ed
aloni luminosi o colorati associati a riduzione lenta e progressiva dell'acuità visiva.



Un caro saluto