Utente 159XXX
Mia figlia di 6 anni dopo aver lamentato episodi di oscuramento temporaneo, non cecità, almeno credo, nell'occhio sinistro è stata esaminata da 3 oculisti.
Il primo, ad agosto, mi ha detto che ha l'astigmatismo ipermetropico composto: OD 9/10 cil + 0.750X90. OS 9/10 cil + 1X90. Probabilmente, mi ha detto, sforza l'occhio sinistro che va in tilt dovrà in seguito a successivo controllo mettere gli occhiali.
All'inizio della scuola la bambina ha lamentato l'oscuramento dopo aver fatto i compiti e la maestra mi ha riferito che non vede la bene alla lavagna.
Dieci giorni fa, la porto su consiglio del pediatra al poliambulatorio dove le mettono, anche, le goccine. Referto:
VISUS 7-8/10 TUTTO NELLA NORMA DAI CONTROLLI.
PRESCRIZIONE OCCHIALI: PER LONTANO
OD SFERA +0.50 CILINDRO +0.75 ASSE 90
OS SFERA +0.25 CILINDRO 1.00 ASSE 95 TAB 0
ANCHE QUESTO MEDICO RIBADiscE CHE L'OSCURAMENTO è DOVUTO AL FATTO CHE SFORZA TROPPO L'OCCHIO SINISTRO, DI NON PREOCCUPARMI E DI EVITARE DI FARE CONTROLLI INUTILI CHE DEVE SEMPLICEMENTE METTERE GLI OCCHIALI.

Ieri la bambina ha lamentato di nuovo, dopo essere stata china sui quaderni a scrivere, l'oscuramento. Sempre nell'occhio sinistro, per max 1/2 minuti...ho avuto l'impressione che quasi non ci vedesse, per un attimo; lei poi non si spiega bene, dice che la mano che le indicavo di guardare la vedeva, ma se la muovevo non la seguiva con l'occhio, questo l'ho notato.
Io e mio marito, allarmati, la riportiamo da un altro oculista che nuovamente dice di non allarmarsi, e dopo averla controllata e messo le gocce referta:
occhiali a permanenza OD sf. +1.00 cil +1.00 asse 90
os sf +1.00 cil +1.00 asse 90
La bambina stanca troppo gli occhi deve tenere gli occhiali tutto il giorno e non dobbiamo preoccuparci visto poi che gode di ottima salute, mai un capogiro, un affanno, uno svenimento, ne una convulsione o problemi tale da lasciare supporre deficit neurologici. Non ha problemi di soffi al cuore, è stata operata a due anni di ernia inguinale e per il resto, mi creda, non mi ha mai dato nessuna preoccupazione.
Non sappiamo cosa pensare né tanto meno di quale oculista fidarci visto che per la gradazione degli occhiali ci sono delle differenze notevoli.
Può suggerirci qualcosa?
E' il caso di sottoporre la bambina a controlli più scrupolosi o bastano le diagnosi dei tre oculisti?
La ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buongiorno, in realtà non ci sono differenze notevoli come lei dice, deve solo portare gli occhiali, probabilmente l'ultimo oculista che l'ha vista con le gocce ha prescritto la correzione totale che è quella per la quale io opterei. L'oculistica come la medicina in genere non è una scienza esatta e non lo pretende, ma diventa tanto meno esatta quanto più si pratica il turismo negli studi medici. Praticamente, anche se a lei sembra strano, tutte e tre le correzioni sono compatibili e di effetto benefico per la sua bambina, la correzione poi verrà aggiornata nei controlli che sua figlia frequenterà nei mesi seguenti.
La saluto cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo