Utente 194XXX
Gentili dottori,
da circa 10 giorni la palpebra dell'occhio sinistro è infiammata, molto arrossata, accompagnata da un insopportabile prurito. Inizialmente pensavo si trattasse di un orzaiolo (considerato che circa una volta all'anno soffro di questo problema e sono stata operata di calazio due anni fa), così ho applicato la solita pomata antibiotica colbiocin, senza alcun risultato. Oggi il mio veterinario ha diagnosticato al mio gatto un fungo ed ha prescritto una terapia a base di griseofulvina e miconazolo nitrato. Mi è sorto così il dubbio che questo rossore, prurito, accompagnato da secchezza della palpebra sia dovuto proprio a questo fungo. Il primo giorno pensavo si trattasse di una puntura di insetto, successivamente la pelle si è presentata secca, infine molto gonfia ed irritata. Ho notato che anche il trucco irrita molto la parte. Vorrei avere un vostro parere in merito a quanto è successo. Perchè questa infiammazione ha colpito solo un occhio? Come mi devo comportare? In questo periodo sto prendendo lyrica (causa due ernie discali).
In attesa di Vostro cortese riscontro, ringrazio e porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buongiorno, potrebbe trattarsi di un calazio, in questo caso il colbiocin è inutile, provi a fare degli impacchi di acqua calda, sarebbe comunque meglio farsi vedere da un oculista.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 194XXX

La ringrazio dottore per aver risposto alla mia richiesta. Perchè ritiene che il calazio possa essere la causa scatenante di questa infiammazione? Non sento una pallina sotto la pelle. Al tatto sento solo gonfiore, la pelle raggrinzita e prurito (localizzato principalmente lungo il bordo ciliare). Potrebbe trattarsi di dermatite?
Buona giornata e buon lavoro. Grazie

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Potrebbe essere anche una dermatite come è possibile che la "pallina" tipica del calazio non sia ancora percettibile al tatto, purtroppo dovrei vederla per essere più preciso.

cordialità
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo