Utente 138XXX
Buona sera approfitto per augurare buon anno a tutti, volevo chiedere un consulto in merito ad un problema che si presenta ogni tanto, certe volte ho un disturbo visivo, cioè ho l'impressione di non mettere bene a fuoco da vicino e vedo offuscato o meglio adombrato dall'occhio destro tipo a macchie di leopardo e attorno all'occhio vedo tipo un'aurea che trema, il tutto mi dura per circa 10 minuti e poi passa e mi rimane a volte un leggero mal di testa ed un pò di panico.
Porto occhiali da miope mi mancano 2.25 diottrie per occhio e quando leggo da vicino devo alzare gli occhiali. Non soffro di alcuna patologia tranne che di ernia iatale e assumo omeprazolo da 20 mmg la mattina, analisi e valori nella norma.
Mi devo preoccupare mi consigliate visite specialistiche ????? Grazie di tutto
cordialità dall'utente 138945.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, se lei ha 47 anni è perfettamente normale che da vicino debba levare gli occhiali, la presbiopia che determina tale disturbo compare inesorabilmente dopo i 40 anni e progredisce fino ai 60, se non vuole alzare gli occhiali, faccia una visita oculistica e valuti la possibilità di usare una lente progressiva (lontano e vicino).
cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 138XXX

Grazie Dr. Rotondo, desideravo avere una sua opinione e notizia sul disturbo visivo che ogni tanto accuso, meglio specificato nella richiesta di consulto. Girando per in rete ho visto che potrebbe trattarsi di emicrania oftalmica ( almeno così mi pare di aver letto), lei che ne pensa ???
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
perso che prima si impone un controllo oculistico, l'emicrania oftalmica è un altra cosa, parta dalla esatta determinazione della sua refrazione per lontano e vicino, sarà il suo oculista poi a chiarirle la situazione.
cordiamente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo