Utente
Verso fine gennaio mi è venuto un orzaiolo molto grosso sulla palpebra occhio dx e avevo tutto l'occhio gonfio e livido. Sono andata da un oculista e mi ha dato antibiotico vZoref 500 cp 1+1 per 7 dì e Betabioptal pomata 3 volte al dì. Si è disinfiammato lasciando una pallina dura al suo posto. A fine febbraio ho fatto un'altra cura antibiotica per la normale influenza. A fine marzo mi si è infiammato nuovamente l'orzaiolo e l'oculista mi ha detto di ripetere la precedente cura: non ha avuto nessun effetto. Dopo 2 settimane l'occhio aveva del pus e lo stesso oculista me lo ha inciso e mi ha dato una nuova cura: Ciproxin 500 cp 1+1 per 7 gg e Exocin pomata. Ho fatto la cura mettendo la pomata per 20 gg: l'occhio è un pò migliorato ma è rimasto rosso. A fine aprile sono andata al pronto soccorso perchè di nuovo vedevo l'occhio rosso, gonfio e con pus e mi hanno dato la crema Tobradex per 15 gg. Da allora l'occhio è più o meno infiammato e io alterno le tre pomate e degli impacchi con acqua bollita salata calda, ma rimane sempre un po' rosso. L'oculista mi ha detto che ci vuole del tempo e che quando si infiamma molto devo prendere un antibiotico via bocca e in ogni caso lui non me lo può operare fino a che non è disinfiammato del tutto, altrimenti torna. Io vorrei sapere come faccio a sapere quale è l'atibiotico efficace da prendere. Siamo sicuri che non ci sia una neoplasia ? Sapete se a Modena c'e' un bravo oculista specializzato in orzaioli ? Ringrazio fin d'ora per la gentile risposta. Dimenticavo, mi stanno venendo altri 2 orzaioli.

[#1]  
Attivo dal 2007 al 2010
Carissima,
dubito che sia un orzaiolo,opterei più per un calazio!!
il calazio è una flogosi granulomatosa di una ghiandola di Meibomio, il cui dotto escretore risulta ostruito. Questo tipo di infiammazione è un processo cronico ed i sintomi sono incredibilmente lievi, se si esclude la sensazione di peso palpebrale o di fastidio per la presenza di “qualcosa” sull’occhio.
oltre quelli ovviamente estetici e quindi oggettivi.
IGIENE OCULARE
La prima efficace barriera difensiva dell’occhio è formata da
palpebre, ciglia e lacrime che “ lavano” la gran parte delle
sostanze o dei batteri che cercano di aggredire la superficie
oculare. Il lisozima contenuto nel film lacrimale è un potente
agente antibatterico.
Tuttavia è necessario adottare diverse norme igieniche per
ridurre il carico batterico locale e ,di conseguenza,il rischio di
infezione.
• L’igiene oculare quotidiana: lavare accuratamente le mani
e lavare delicatamente la regione perioculare due volte al
giorno. Utilizzare,durante ogni patologia oculare in atto, garze
sterili medicate preconfezionate.
L'evoluzione del calazio è condizionata dalla possibilità della ghiandola di svuotarsi, se ciò avviene, può guarire spontaneamente; l' applicazione ripetuta nel corso della giornata di impacchi caldi agevola questo processo. Se si associa una blefarite significativa, può essere utile un antibioticoterapia topica.
Quando il trattamento conservativo fallisce si ricorre all' infiltrazione di 0.05-0.2 ml di Triamcinolone 5 mg/dL, che determina la guarigione delle lesioni entro 1 o 2 settimane, questo approccio terapeutico si è dimostrato più efficace rispetto al solo trattamento
conservativo.
In ultimo si può ricorrere al curettage transcongiuntivale del granuloma. Qualunque sia la scelta terapeutica è bene tenere presente
che la presenza di calazi a livello della palpebra superiore può determinare un transitorio appiattimento della porzione centrale della cornea con conseguente diminuzione del visus, peraltro reversibile a seguito della guarigione. I soggetti affetti da calaziosi vanno educati ad una accurata e giornaliera detersione della rima palpebrale per la possibilità che il fenomeno si ripresenti; oltre a questo provvedimento di base, deve essere messo in opera quanto necessario per la terapia della patologia di fondo (Dermatite seborroica,rosacea) quando presente.
Inoltre devono essere fatti esmi dell'apparato gastroenterico,perchè ci possono essere problematiche di alterato transito,colecistopatie etc.etc.Quindi è bene controllare funzionalità epatic,alterazioni della colecisti e dell'intestino e/o del colon!!
Un saluto

[#2] dopo  
Utente
Ringrazio per la risposta, anche se mi chiedo coma mai il mio oculista non mi ha proposto delle infiltrazioni o esami da dermatologi o da gastroenterologici, ma mi ha solo detto che prima o poi si disinfiammerà e lui potrà operare.