Iporeflettività retinica diffusa

Salve, scrivo per mia madre, 82 anni buona salute generale. Fatto OCT:
OCT OS: l'esame evidenzia una spessore retinico nei limiti della norma con attenuazione del fisiologico profilo foveale. Iporeflettività reti-
nica diffusa. Ipereflettività del complesso dell'epitelio pigmentato retinicocoriocapillare con profilo alterato.
OCT OD: l'es. evidenzia spessore retinico nei limiti della norma con conservazione del profilo foveale. Lieve iporeflettività retinica. Ipereflettività del complesso dell'epitelio pigmentato retinicocoiocapillare con profilo conservato.
La visita con il dottore è un po' in là e non so come rassicurarla perchè è parecchio in ansia.
Vi ringrazio e saluto cordialmente.
[#1]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
Carissima,
L'OCT proietta sulla retina un fascio di lunghezza d'onda nel vicino infrarosso (820 nm) generato da un diodo superluminescente; confronta quindi i tempi di propagazione dell'eco della luce riflessa dalla retina con quelli relativi allo stesso fascio di luce riflesso da uno specchio di riferimento posto a distanza nota. Benché la luce riflessa dalla retina sia composta da eco multipli, la distanza percorsa dagli stessi viene determinata tramite la variazione della distanza dallo specchio di riferimento. L'interferometro OCT rileva elettronicamente, raccoglie, elabora e memorizza gli schemi di ritardo dell'eco provenienti dalla retina. I tomogrammi vengono visualizzati in tempo reale utilizzando una scala in falsi colori che rappresenta il grado di reflettività dei tessuti posti a diversa profondità: i colori scuri (blu e nero) rappresentano zone a minima reflettività ottica, mentre i colori chiari come il rosso ed il bianco definiscono zone molto riflettenti. Infine il sistema memorizza le scansioni selezionate, permettendone la successiva elaborazione, tra cui la possibilità di correggere l'effetto dei movimenti oculari longitudinali (ma non di quelli trasversali).
L'OCT è quindi un esame semplice, rapido, non invasivo ed altamente riproducibile, ma è limitato dalla presenza di qualsiasi opacità dei mezzi diottrici (edema o leucomi corneali, cataratta, emovitreo) e dalla miosi.
Le immagini tomografiche ottenute con l'OCT permettono uno studio sia di tipo qualitativo che quantitativo del tessuto retinico, con la possibilità di dirigere la scannerizzazione direttamente verso la zona di interesse grazie alla contemporanea osservazione della retina. Dal punto di vista qualitativo su ogni scansione si può effettuare un'analisi della morfologia e del grado di reflettività degli strati retinici. Per quanto riguarda la valutazione quantitativa lo strumento permette di misurare lo spessore della retina, che può anche essere rappresentato in mappe di spessore.
Sezione tomografica della regione maculare:
in condizioni normaliNella sezione tomografica della regione maculare in condizioni normali si visualizza la caratteristica struttura retinica a strati con la depressione foveale. La superficie di separazione vitreo-retinica appare ben definita, grazie al contrasto tra l'assenza di reflettività del vitreo e la alevata reflettività dello strato delle fibre nervose più superficiali. Gli strati retinici intermedi possiedono un modesto grado di reflettività. I fotorecettori, che hanno una disposizione longitudinale, sono otticamente poco riflettenti ed appaiono come una banda scura che separa la neuroretina dal complesso epitelio pigmentato-coriocapillare di elevata reflettività. Qualche debole segnale di reflettività proviene anche dagli strati più profondi della coroide e della sclera, soprattutto nei casi di assottigliamento o atrofia del tessuto retinico.
Attualmente l'OCT è considerato un esame strumentale complementare alla fluoroangiografia ed alla fotografia del fondo oculare per lo studio delle patologie retiniche, ma si sta sempre più sostituendo ad essi soprattutto per quanto riguarda la stadiazione ed il follow-up delle alterazioni dell'interfaccia vitreo-retinica e dei fori maculari.
Nelle fibrosi pre-retiniche (pucker maculare) l'OCT evidenzia un aumento di reflettività della membrana limitante interna o la chiara presenza di una membrana epiretinica, sotto forma di una banda più o meno spessa, di tessuto iperriflettente adeso in uno o più punti alla superficie retinica. Le trazioni di tali membrane sulla retina vengono chiaramente documentate .Si possono osservare aumento dello spessore retinico, scomparsa della depressione foveale e presenza di aree a diminuita reflettività all'interno della retina, indice di edema intraretinico.
Nel caso di specie bisognerebbe avere una dignità comparativa con la FAG per essere più precisi.
Un caro saluto

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie, ma alla fine mia madre di cosa soffre?
[#3]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
DI UNA INIZIALE FORMA DI DEGENERAZIONE MACULARE.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Infinitamente grata e se posso un'ulteriore domanda.
Come si può curare e intervenire propio perchè siamo all'inizio e forse si può ancora fare qualcosa?
Grazie della Vs. disponibilità e cordiali saluti.
D.Rosa
[#5]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
conntrolli a cadenzialità fissa di FAG ed OCT ed iniziare supporto integrativo preventivo e/o terapia vera se esiste un trend progressivio.

un saluto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test