Utente 442XXX
Buongiorno,
vi scrivo perchè ormai da quasi tre mesi soffro di problemi agli occhi.
A Natale del 2016 ho contratto un forte raffreddore, senza febbre ma con raucedine, perdita della voce e catarro molto denso.
Qualche giorno dopo l'inizio del raffreddore, ho cominciato ad avere una copiosa lacrimazione agli occhi, seguita dopo due giorni da arrossamento.
Mi sono rivolta al medico di base, il quale mi ha prescitto un antibiotico per via sistemica (macladyn) per il catarro e un collirio (tobradex) da applicare 4 v. al gg. x 5 gg.
Le secrezioni catarrali sono diventate più fliude e trasparenti, ma per quanto riguarda gli occhi non sono migliorati. Appena finito di mettere il collirio sono tornati gli stessi sintomi.
In più (non so se è correlato), ho avuto una importante dermatite in zona anale, che dopo varie visite si è risolta con l'applicazione di una pomata antimicotica.
Sono andata al Pronto Soccorso oculistico e mi è stata diagnosticata una congiuntivite e mi è stato prescritto betabioptal gel per 3 volte al giorno x 5-6 gg.
La congiuntivite mi è passata, ma mi è rimasta la lacrimazione.
Il 21 gennaio ho fatto una visita specialistica; l'oculista mi ha fatto un lavaggio ai condotti lacrimali e mi ha detto di rifare la terapia di collirio betabioptal per 5 gg.
La lacrimazione persisteva.
Il 14/02 sono tornata dallo stesso oculista, il quale ha provato a farmi un nuovo lavaggio ai condotti lacrimalil, senza esito (non ho sentito il liquido in gola). il medico mi ha detto che se non si riuscivano a sbloccare bisognava fare un'operazione abbastanza impegantiva.
Mi ha prescritto per 10 gg. il trobradex.
il 28/02 mi sono rivolta ad un altro oculista, anche perchè da qualche giorno mi era ricomparsa la congiuntivite.
Mi ha visitato e eseguito un nuovo lavaggio alle vie lacrimali. Inoltre mi ha fatto un tampone a tutti due gli occhi per ricerca Clamydia. il tampone ha dato esito negativo.
Mi ha prescitto Netildex collirio monodose, da applicare per 16 giorni, inizialmente 4 volte al giorno, scalando ogni 4 giorni, fino a sospendere.
Gli occhi sono migliorati, in quanto non c'era più il rossore, anche se continuava la lacrimazione in maniera più ridotta.
L'8 marzo sono tornata dal medico per una visita di controllo.
Questo l'esito della visita in sintesi: Ridotta marcatamente l'iperemia congiuntivale, persistono follicoli alla congiuntiva tarsale, cornea trasparente fluo-, subocclusione puntini lacrimali. CA in quiete.
Nuovo lavaggio ai condotti lacrimali.
mercoledì 15 marzo ho terminato la terapia del Netildex e gli occhi sono tornati ad arrossarsi e a lacrimare, anche se meno copiosamente.
Nello scusarmi se sono stata prolissa nell'esposizione, volevo chiedere se esistono test diagnostici e/o esami per diagnosticare la patologia.
Nel ringraziare anticipatamente, porgo cordiali slauti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
gentile Signora
un caso delicato come il suo va indagato clinicamente e con una anamnesi generale molto piu’ dettagliata:
diabete?
menopausa?
viaggi?
sauna?
piscina?

sta facendo troppa terapia e da tanto tempo per i miei gusti , senza avere una diagnosi precisa...

ipertrofia congiuntivale?
sospetta Clamidiasi?
perche’

provi a mandarmi copia dei referti e delle sue analisi del sangue...

buona giornata
SUO
Luigi Marino MD PhD

MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita medica specialistica oculistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante.

Veda , per cortesia , le nostre Linee Guida per l’uso dei consulti online.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 442XXX

Gent.mo Dottore,
La ringrazio per la Sua celere risposta.
Purtroppo l'8 marzo ero andata anche dal mio medico di famiglia, chiedendo di fare delle analisi, ma il dottore non ha ritenuto necessario fare esami. Mi ha detto di aspettare la fine della terapia prescritta dall'oculista e a suo dire i problemi agli occhi sono dovuti allo stazionamento in ambienti secchi, dovuti al riscaldamento dei termosifoni. Per la cistite, che mi era venuta il giorno prima, mi ha prescritto un antibiotico specifico in bustine e si è risolto in due giorni.
Inoltre mi ha prescritto un integratore (fortimunal), che sto ancora prendendo.
Passando alle domande che mi ha posto, sono entrata in menopausa 2 anni fa e fino a due giorni prima che iniziasse il forte raffreddore frequentavo una piscina due volte la settimana per fare acqua gym.
Non credo di avere il diabete (glicemia a 92 - esami ottobre) e non ho fatto niente di particolare.
Anzi è già da un pò di mesi che sto cercando di mangiare in maniera "più sana", diminuendo i dolci e la carne rossa, aumentando la frutta (fresca e secca) e la verdura.
Gli ultimi esami del sangue e urine li ho eseguiti ad ottobre 2016, quando non avevo patologie. Gli esiti erano comunque nella norma.
Domenica 26 marzo ho un ulteriore appuntamento di controllo con l'ultimo oculista che mi aveva visitato (visita in ospedale). In quel contesto potrò chiedere che mi prescriva degli ulteriori esami oppure devono essere prescritti dal medico di famiglia?
Che tipo di esami sarebbe bene che facessi?

Grazie ancora.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
ANA
ANTI ENA
C3
C4
VES
TAS
PCR
FATTORE REUMATOIDE
EMOCROMO
ELETTROFORESI PROTEINE

e faccia eseguire i test di funzionalita’ sul film lacrimale
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333