Utente 457XXX
Buonasera a tutti, avrei una serie di quesiti da sottoporre:

1) è vero che un paziente affetto dalle seguenti patologie: "retinopatia diabetica proliferante. Aree ischemiche periferiche diffuse. Iperfluorescenza epapillare per neovasi. Segni edema maculare", essendo l'occhio diabetico ha problemi di dilatazione con il classico collirio midriatrico cioè la tropicamide 1% e che molte volte viene usato il collirio tropicamide e fenilefrina che però potrebbe risultare più pericoloso? parlo nel caso non venisse controllato in modo corretto l'angolo irido-corneale e che quindi si rischierebbe di causare un attacco di glaucoma acuto.

2) il glaucoma neovascolare può insorgere se la pressione dell'occhio non viene tenuta sotto controllo? mi spiego meglio, se un paziente ha le patologie sopra elencate e a seguito dell'instillazione del collirio midriatico ha avuto un attacco di glaucoma acuto su 1 occhio e sull'altro no, ma all'altro occhio non vengono effettuate dovute visite e controlli tralasciandolo per molti giorni, e in questo occhio la pressione sale, può causare questa pressione un glaucoma acuto neovascolare stadio I?

3) un paziente alla quale viene diagnosticato un glaucoma neovascolare, per quanto tempo potrà preservare il visus con o senza interventi medici?

Saluti
Alessandro

[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno

28% attività
16% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
salve,
è assolutamente vero che un diabetico tende a dilatare molto meno lentamente. il problema dell'angolo stretto può essere peggiorato ovviamente dalla formazione di neovasi e dunque provocare un glaucoma acuto.
certamente vanno controllati entrambi gli occhi ma mi permetto di dire che chi sviluppa questo tipo di problemi tende ad incriminare la vista che a mio parere è l'ultima delle cose da controllare. uno scompenso glicemico è alla base di tutto. mantenere glicemie elevate e poi lamentarsi della vista non è una cosa corretta.
dunque buon monitoraggio della glicemia e poi valutazione laser della retina o anche punture intravitreali. si faccia seguire bene.
Dr. Ferdinando Munno - Medico Chirurgo
Specialista in Oftalmologia
www.studiocarbonemunno.it