Utente 423XXX
Egr. Dott.
Le sarei grato se potesse darmi alcuni consigli per un problema che riguarda mio figlio diciannovenne.Sin dalla nascita presentava un deficit del campo visivo dovuto , secondo i medici , a una ciccatrice gliale corticale e sottocorticale del polo occipitale e del giro linguale prodottasi durante le fasi del parto.Un esame del campo visivo all’età di 9 anni presentava un risultato dell’occhio dx di visto 69/120 e non visto 51/120 e dell’occhio sx di visto 104/120 e non visto 16/120.Il difetto corticale oltre che la perdita del Cv era responsabile di crisi epilettiche che col tempo diventavano sempre più frequenti e intense.Dopo qualche anno, dall’aver riscontrato tutti questi problemi , siamo stati contattati dal Centro Munari Chirurgia dell’epilessia di Milano che ci ha proposto la resezione corticale della ciccatrice per mezzo della metodologia stereotassica di Talairach .Mio figlio dopo vari studi è stato operato nel 2009 e non presenta più nessun tipo di crisi e dal 2014 non assume più farmaci ma , come ci avevano informato , ha subito un peggioramento dovuto alla resezione e dall’ultimo Cv test risulta avere un risultato dell’occhio dx di visto 60/100 e non visto di 40/100 e dell’occhio sx di visto 44/100 e non visto di 56/100.Quindi una emianopsia completa .La visita oculistica ha refertato che la vista invece è perfetta con 10/10 su entrambi gli occhi. Mio figlio vorrebbe conseguire la patente di guida e ci siamo attivati per avere il giudizio dei medici del Niguarda che ci hanno confermato che lui ormai già dalla nascita ha compensato automaticamente questo deficit con movimenti repentini della testa e degli occhi tanto che vive una vita normalissima senza problemi utilizzando sempre la bicicletta per i suoi spostamenti e praticando attività di svago come il calcio a cinque .Veniamo alla mia richiesta :
siete a conoscenza di qualche specialista di queste problematiche che possa valutare e eventualmente certificare che mio figlio potenzialmente possa guidare senza rischi per lui e per gli altri e come le persone normodotate ?
Esistono degli accessori omologati utilizzabili che possono migliorare la situazione come ad esempio degli occhiale prismatici o altro?
Il mio intendimento è quello di raccogliere tutti questi pareri autorevoli positivi e poi avanzare la richiesta alla commissione medica locale di Mestre-Venezia per il rilascio del certificato medico
La ringrazio per l’attenzione
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni

40% attività
20% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

in questi casi l'idoneità alla guida viene certificata proprio sulla base del campo visivo che deve rispettare determinati requisiti di Legge.

Non è pertanto un giudizio formulato a sola discrezione del medico.


Allo stato attuale non esistono ausilii ottici che ampliano il campo visivo,
Le suggerisco di sottoporre suo figlio a valutazione presso ambulatorio di ipovisione, generalmente preposto alle pratiche di invalidità per menomazioni visive.

con ogni cordialità
Dr. Ruggiero Paderni
Specialista in Oftalmologia
www.ruggieropaderni.it

[#2] dopo  
Utente 423XXX

Buongiorno Dott.Paderni,
La ringrazio per il consiglio e la solerte risposta.
Distinti saluti.
Franco Albertin