Utente 440XXX
Buonasera,
colgo l'opportunità di usufruire di questo ottimo servizio per esporre il mio problema.
Mi è capitato in diverse occasioni di digrignare i denti di notte, non mi sono accorto io direttamente ma la mia ragazza.
Da una ricerca che ho effettuato su internet, ho appreso che questo fenomeno è causato dalla tensione emotiva e dallo stress e che la prevenzione avviene tramite l'applicazione di un "bite" ovvero una mascherina protettiva simile ai paradenti sportivi. Ho immediatamente acquistato un bite in farmacia per evitare o quanto meno limitare danni irreversibili ai denti. Infatti, il bite già dopo pochi giorni di utilizzo, riportava evidenti e profonde scanalature sulla superficie gommosa. Faccio presente però che non ho alcun dolore ai denti ed alle articolazioni mandibolari.
Ho letto inoltre, che ci si può sottoporre a terapia agopunturale, per ridurre lo stress.
Cosa mi consigliate di fare?
Ringrazio anticipatamente e invio i più cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

innanzitutto, acquistare il Bite non e' una operazione sufficiente a risolvere il problema.
Vanno indagate sia le cause (psicologiche e tensive) e soprattutto i danni funzionali che fino ad ora si possono essere instaurati alla sua articolazione temporo-mandibolare ed ai denti.

E' opportuna una visita odontoiatrica.
Per cio' che riguarda lo stress e' inoltre opportuno associare una visita psichiatrica.


Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://wa.me/3908251881139

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
in effetti il sintomo riferito può essere ricondotto a fattori emotivi. Ha effettuato una consulenza psichiatrica allo scopo di valutare tale ipotesi?
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com

[#3]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente, probabilmente lei avrà acquistato un bite temporaneo (Dr. Brux o similari) che hanno lo scopo di effettuare una diagnosi sul campo della patologia. Una volta stabilita la bontà della terapia bisogna affidarsi alle cure di un odontoiatra di fiducia che deve finalizzare il caso con apparecchiatura permanente e controllarne l'aggiustamento occlusale man mano che si ottiene il rilassamento muscolare.
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#4] dopo  
Utente 440XXX

Gentili medici,
Vi ringrazio per le Vostre tempestive ed utilissime risposte ed indicazioni. A questo punto è chiaro che sia opportuna sia una visita odontoiatrica che una visita psichiatrica.
Vorrei rispondere al Dr. Stefano GARBOLINO: non ho mai effetuato una consulenza psichiatrica, posso chiederLe se per fattori emotivi intende ad esempio un periodo di stress intenso oppure qualcosa di più complesso? Grazie.
Dopo le Sue indicazioni e quelle del Dr. Francesco Saverio Ruggiero, prenderò in considerazione una visita, anche se non ho proprio idea a chi rivolgermi qui nella mia zona (provincia di Bolzano).
Ringrazio il Dr. Giuseppe Oscar MURACA per le utilissime indicazioni; preciso che il bite che sto utilizzando è il Dr. Brux, però mi potrebbe cortesemente spiegare meglio la funzione del bite ovvero, come dice Lei, che il bite ha lo scopo di effettuare una diagnosi sul campo della patologia.
Ringrazio ancora moltissimo i medici che mi hanno dato queste preziose ed utili indicazioni.
Cordiali Saluti.

[#5]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Diagnosi sul campo, caro utente, significa stabilire se col bite immediato lei ha risolto in parte o del tutto le sue problematiche odontoiatriche. se così è, l'odontoiatra, sulla base del "bite da banco" farà costruire un bite in resina e lo controllerà con frequenze quindicinali (almeno è quello che faccio io)in modo da controllare il grado di rilassamento muscolare e la regolazione del bite su questa base, in modo da raggiungere lo stato di "quiescienza muscolare" senza più problemi di contrazione muscolare.
si affidi al suo Odontoiatra, il quale sicuramente saprà affrontare il suo problema.Per quanto riguarda la visita da uno psicoterapeuta, beh... veda lei se effettivamente ne ha bisogno.
In bocca al lupo e... auguri
dr. Muraca
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#6] dopo  
Utente 440XXX

Gentile Dr. MURACA adesso mi è tutto molto chiaro, La ringrazio moltissimo; la mia speranza ora è di trovare un buon specialista nella mia zona, in quanto con l'ultimo dentista che mi ha curato, ho avuto una terribile esperienza... Per quanto riguarda la visita da uno psicoterapeuta, sinceramente non ne sento il bisogno, in quanto più che avere alcuni periodi di stess da lavoro, che credo siano ormai comuni un pò a tutti, non credo di avere altri particolari problemi.
Grazie di cuore.

[#7]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Un grazie a Lei per la cortesia nel rispondere fino alla fine e un augurio sincero per il suo futuro.
P.S. Non si preoccupi, di bravi odontoiatria ne è piena l'Italia. se le può essere d'aiuto, provi nella sezione Gnatologia dei consulti per trovare un collega vicino a lei.
Un saluto, Dr. muraca.
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.