Utente 191XXX
Buongiorno. Ho 26 anni e a causa di un problema di bulimia durato circa 11 anni e che adesso sto con fatica cercando di domare, lo smalto dei miei denti si è consumato in diversi punti. Così tanto da non riuscire a mangiare o bere nulla che non sia a temperatura ambiente. Tra l'altro mi è rimasto un problema di reflusso per cui gli acidi della digestione continuano a tornarmi in bocca dopo i pasti. Assumo da circa 2 anni Peptazol 40, ma non so se questo possa limitare gli acidi che risalgono. Utilizzo dentifrici specifici come Biorepair e Sensodine, ma non ho visto risultati. Il mio dentista mi ha detto che l'unica soluzione è la devitalizzazione: davvero non c'è nient'altro da fare?

[#1]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gentile utente, i succhi gastrici acidi, risalendo nel cavo orale hanno causato l'erosione dei tessuti duri dentari, la polpa, che è il tessuto connettivo presente all'interno del dente ed è responsabile della percezione degli stimoli termici e dolorifici,essendo meno protetta dall'ambiente orale è in uno stato di iperemia con conseguente ipersensibilità.
Si può tentare con trattamenti desensibilizzanti domiciliari e professionali, si può tentare di ricostruire il tessuto duro dentario andato perso e vedere la polpa come reagisce (a volte anche questo non è sufficiente), al fallimento di queste metodiche più conservative non resta che la devitalizzazione.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2]  
Dr. Pierluigi Capitanio

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
gentile Signora, la demineralizzazione dello smalto provocata dal reflusso di acido cloridrico contenuto nello stomaco è certamente responsabile dei sintomi che riporta. Ricorstruendo la parte di smalto corrosa normalmente i sintomi scompaiono. Ne consegue che si deve stabilire quale parte del dente è andata incontro a questo processo e quindi da questo ne discende che si può trattare di una banale otturazione, di una faccetta o di una corona integrale. Persistendo il reflusso gastrico il problema continuerà a svilupparsi su tutti i denti che vengono a contatto con l'acido cloridrico. L'ultima soluzione certamente consiste nella devitalizzazione che però richiede sempre un restauro con una corona integrale.

per qualsiasi ulkteriore informazione può consultare il mio sito www.pierluigicapitanio.it o scrivermi a info@pierluigicapitanio.it

Distinti Saluti
Dr.Pierluigi Capitanio
Medico Chirurgo,Specialista in Odontoiatria ed Estetica
Docente presso l'Università degli Studi di Milano