Utente
Sono una donna di 45 anni.
mi sono sottoposta alcuni gg fa` ad anestesia locale presso il mio dentista.Il dente in questione e` un molare gia` trattato in precedenza a cui doveva essere asportata l`amalgama provvisoria e posizionata l'otturazione definitiva.Il dentista, dicendo che non sarebbe stata strettamente necessaria, mi ha chiesto se volevo l'anestesia per maggior tranquillita`(il nervo era risultato non devitalizzato)cosa che ho accettato, avendo gia` eseguito l'anestesia
senza problemi nelle sedute precedenti.
Quando mi ha infilato l'ago ho sentito un forte dolore che si e`irradiato man mano a tutta la mandibola.A quel punto ho chiesto al
dentista di soprassedere anche se lui insisteva dicendomi che era tutto sotto controllo e mi invitava a fare un'altra iniezione che mi avrebbe fatto passare il dolore.
Poiche` ho fatto anestesie di questo tipo in precedenza senza problemi, cosa puo` essere successo?A distanza di una settimana l`articolazione della mandibila e` ancora dolorante.
Gradirei un parere al riguardo.grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
sinceramente non è possibile dire con certezza che cosa sia avvenuto,solo il suo medico probabilmente può saperlo o comunque ipotizzarlo.
Penso comunque che non dovrebbero esserci complicazioni gravi considerando che evenienze di questo tipo si manifestano quasi subito.Probabilmente è stato iniettato anestetico in sede sottoperiostea,o sono state interessate durante il tragitto dell'ago alcune strutture, forse muscolari, forse legamentose, per cui ancora oggi ha dolore.
Penso che dovrebbe pazientare per qualche altro giorno.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#2]  
Dr.ssa Laura Anna Melone

24% attività
0% attualità
12% socialità
ALPIGNANO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente,
concordo con il collega riguardo la possibilità, non molto remota, di possibile infiltrazione di anestetico in sede intramuscolare. Il dolore è causato non tanto dall'anestetico quanto dall'accidentale piccolo trauma a cui è sottoposto il tessuto muscolare durante la penetrazione dell'ago. Tra qualche giorno si dimenticherà di tutto.
Cordiali Saluti
Perfezionata in Odontoiatria Pediatrica
Perfezionata in Ortodonzia Intercettiva
Perfezionata in Innovazioni Tecnologiche in Ortognatodonzia

[#3] dopo  
Utente
gent.mi dott. Cataldo e dott.ssa Melone,
il dolore e` quasi passato,e` rimasto se provo a sforzare un po' la mandibola.
il dentista ,che ho rivisto, ha attribuito il tutto all'avere rotto
con l'ago un piccolo vaso con relativa aspirazione di sangue;da li` non aveva proceduto con l'iniezione dell'anestetico.
non so se questo e` compatibile con quanto voi avete ipotizzato.
io so solo che ho sentito un male tremendo e ho avuto paura che fosse stato toccato un nervo.
vi ringrazio molto per il vostro interessamento e per l'attento parere da voi fornito.
cordiali saluti

[#4]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
l'ipotesi di un piccolo ematoma in seguito a lesione di un piccolo vaso è plausibile, e vorrei precisare che inconvenienti di questo tipo sono, seppure infrequenti,possibili e non sempre da imputare all'iperizia del medico, poichè nell'esecuzione di una tronculare si procede diciamo alla 'cieca', non basta la conoscenza dell'anatomia e la 'sensibilità' manuale del medico:ogni paziente presenta peculiari caratteristiche biologiche ed anatomiche.
Il dolore che ha provato penso che sia stato causato dall'interessamento del periosto, una membranella molto innervata che ricopre l'osso:rientra comunque nelle possibili sequele.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#5]  
Dr. Emilio Nuzzolese

32% attività
0% attualità
0% socialità
BARI (BA)
MATERA (MT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Gentile Paziente,

la Sua esigenza di chiarezza è comprensibile. Per semplificare la dinamica del disagio che ha subito le basti pensare che l'anestetico, come qualsiasi medicinale, non è esente da eventuali effetti collaretali.
La tossicità dei medicinale assunti in dosi superiori a quelle consentite le dimostra come un medicinale può fare bene ma può anche determinare effetti collaterali.

Ne consegue che, nel suo caso, poco importa come ciò è successo, anche perchè l'anestesia locale andava infiltrata e non c'è altra maniera che impiegare un ago! Il collega non avrebbe, quindi, potuto prevenire questo piccolo incoveniente, che comunque è destinato a passare a breve.

A saluto cordialmente.

Dott. Emilio Nuzzolese
Dott. Emilio Nuzzolese
Odontoiatra, Dottore di Ricerca
Chirurgia Orale, Odontologia Forense

[#6]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile paziente, durante l'esecuzione di una tronculare mandibolare può accadere che la punta dell'ago tocchi il tronco nervoso dando al paziente un dolore improvviso come da scossa elettrica, se il medico ha l'accortezza di ritrarre subito l'ago senza iniettare, passa tutto immediatamente, se invece insiste a "pungere" o inietta l'anestetico, il dolore può perdurare anche per parecchi giorni con indolenzimento di tutta la parte. Comunque poi tutto ritorna nella normalità, stia tranquilla.
A presto
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.