Utente 125XXX
Gentili Dottori io da un bel pò di mesi ho una vescicola sulla gengiva sinistra in alto a livello dei molari, proprio all'attaccatura delle gengiva e la guancia. Tempo fa mi uscì una vescicola simile in un'altro punto a livello di un dante di latte (ho la mancanza di due denti permanenti, ho 23 anni) e se scoppiava usciva un liquido bianco e poi si rigonfiava. Si è risolta da sola nel giro di mesi. Questa volta però non si risolve da sola, non so se può influenzare ma a livello di questa vescicola bianca (che se scoppia esce pus e poi sangue) sotto io ho fatto un trapianto di un dente finto non so come si chiama praticamente mi sono state incementate queste radici artificiali con sopra il dente finto. Al più presto prenderò un appuntamento dal dentista ma nel frattempo ho letto di tumori che si manifestano proprio in questo modo. Sottolineo che non ho mai fumato ne bevuto. Attendo il vostro aiuto e sono consapevole che non si possa fare una diagnosi per computer, ma spero di tranquillizzarmi un pò comunque grazie

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
escludiamo i tumori: ciò che Lei indica come 'vescicola' è, in termini tecnici, una 'parulide' cioè lo sbocco di una fistola che drena pus.
Di solito queste lesioni si manifestano in corrispondenza di denti necrotici o devitalizzati ma ancora infetti, per la presenza di un focus infettivo periradicolare che spesso corrisponde ad un granuloma o ad una cisti.
Dal suo racconto non ho capito se si tratta di impianti dentali o perni-monconi, comunque quella lesione è indicativa di un'infezione cronica, il suo dentista dovrà stabilire il dente di origine eseguendo per cominciare una semplice rx endorale.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#2] dopo  
Utente 125XXX

Tre anni fa ho incapsulato il molare ma dopo un anno cadde la capsula e non essendo subito andata dal dentista la gengiva si era spostata e quindi bisognava rifare la capsula di nuovo, ma visto che la prima volta mi è caduta dopo nemmeno un anno abbiamo deciso per la soluzione definitiva che consisteva nell'uso di un perno moncone.
La ringrazio tantissimo per la risposta immediata
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 125XXX

Gentile Dottore finalmente sono riuscita ad andare dal dentista e proprio come ha detto lei il dottore ha detto che ho un granuloma che ha provocato la comparsa di questa fistola causata dal perno moncone che mi fu messo un anno fa. ora il medico dice che l'unico modo per ripulire i canali è quella ti estrarre il dente per poi fare dopo qualche mese l'impianto. Ora le volevo chiedere l'estrazione comunque di un dente con perni moncone è più difficoltosa rispetto ad un'estrazione normale? perchè quando la misi il dottore mi disse che era molto problematico poi toglierlo... Inoltre una fistola non curata cosa provoca? La ringrazio ancora
Cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
in generale l'estrazione di un dente con perno moncone comporta le stesse difficoltà di un dente senza perno moncone.

La fistola non curata è sempre l'espressione della presenza dell'infezione cronica che la provoca. Quindi l'obiettivo non è curare la fistola, ma l'infezione.
Curata l'infezione la fistola scompare da sola.

Non curare l'infezione comporta una serie di problemi a livello locale (cioè sul dente infetto) e di salute in generale.
A livello locale possono comparire ascessi, granulomi, cisti radicolari.
Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#5] dopo  
Utente 125XXX

La ringrazio Dottore

[#6] dopo  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
probabilmente il suo medico quando diceva che è 'molto difficile toglierlo' si riferiva al perno moncone, più che all'estrazione dell'intero dente: spero comunque che la possibilità di rimuovere il perno moncone sia stata presa in considerazione prima di arrivare all'estrazione, così come la possibilità di intervenire per via retrograda cioè con un'apicectomia.

La presenza di una fistola è indicativa di un focolaio infettivo cronico, che nel suo caso è un granuloma: l'unica possibilità oltre all'estrazione è la ripetizione della terapia endodontica rimuovendo il perno o con l'apicectomia: in caso contrario l'infezione persisterà così come la fistola, che potrà anche scomparire ma per riproporsi successivamente.

L'evoluzione può essere la formazione di una cisti oltre alla permanenza della lesione fistolosa.
Eventuali ripercussioni sulla salute generale non sono prevedibili.

Cordiali Saluti

https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#7] dopo  
Utente 125XXX

gentili Dottori inanzittutto vi ringrazio per il tempo che mi state dedicando, oggi dopo un pò di fatica ho estratto il dente con il perno moncone e le rispettivi radici ormai degradate. Ora il dentista ha detto che devo aspettare 3 mesi per poi fare un impianto. Nel frattempo però ho chiesto se gli altri denti si sarebbero potuti spostare significativamente e mi ha detto di no, inoltre mi è sorto un dubbio, avendo comunque ora questo "buco" come faccio a mangiare impedendo al cibo di entrarvi? c'è una pagina internet in cui posso seguire passo per passo i processi a cui andrà incontro la mia gengiva e l'osso per "riempire" la ferita? io studio biologia e quindi sono molto curiosa per tutto ciò che riguarda i meccanismi del corpo. Comunque non vorrei impressionarmi ma io la fistola già non la vedo più.

[#8] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
In effetti 3 mesi sono troppo pochi perchè si verifichino spostamenti significativi.

Per quanto possa sforzarsi, anche mangiando solo dal lato opposto a quello dell'estrazione, il cibo finirà egualmente dentro al "buco". Per disinfettare la zona si possono usare collutori ( o gel) antisettici, però iniziando a distanza di 48 ore dall'estrazione.

Per ciò che riguarda la "scomparsa" della fistola, può anche darsi che la maggior parte di pus sia già drenata dalla ferita dell'estrazione, e quindi la fistola non abbia più motivo di esserci..

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#9] dopo  
Utente 125XXX

La ringrazio!

[#10] dopo  
Utente 125XXX

Gentili dottori, due giorni fa ho estratto il dente da latte e ho inserito una "vite" in titanio per l'impianto dentale, il dottore mi ha messo due punti.
Per internet ho letto che però l'osso tenderà a riassorbirsi circa 2 millimetri l'anno..... è vero? come si fa? tra una decina di anni sarò di nuovo punto e capo? scusate ma questa cosa mi preoccupa molto.

[#11] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Non so cosa e dove l'abbia letto, ma se così fosse dopo 5 anni la maggior parte degli impianti sarebbe già caduta.
Non sarebbe meglio chiedere al proprio dentista, piuttosto che cercare autonomamente su Internet?

Ad ogni modo se la vite si integra all'osso correttamente, il problema non sussiste. In qualche caso si può avere un po' di riassorbimento dell'osso negli anni, ma l'entità e soprattutto la progressione (ad ogni anno!!) che lei riferisce è la prima volta che li sento.

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#12] dopo  
Utente 125XXX

Gentile dottore infatti non l'ho preso subito per certo, anche perchè mi sembrava strano ma chi più chi meno parlava di questo riassorbimento osseo. Infatti ne parlerò con il mio dentista come ho sempre fatto solo che volevo iniziare ad informarmi meglio in modo da capire meglio anche ciò che mi dirà lui.
Dottore scusi l'ulteriore disturbo ma sembro Pierino passa guai.... Ora sto assumendo antibiotici e antidolorifici ma nel frattempo mi è venuto un forte mal di gola e sono molto raffreddata, non posso chiamare allo studio del dentista perchè sabato e domenica è chiuso, volevo chiederle se eventuali farmaci per il mal di gola possono interferire negativamente con quelli che già sto prendendo.
La ringrazio ancora
Cordiali saluti

[#13] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
No, non dovrebbero interferire.

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#14] dopo  
Utente 125XXX

La ringrazio dottore.
Mi scusi di nuovo, ma per non annoiarmi e non annoiarla ogni tanto mi esce qualcosa, non vedo l'ora che tutto questo finisca! Mi è uscito un piccolo buchetto all'interno della guancia, mi fa malissimo brucia tantissimo e la notte mi tiene sveglia, Ho parlato con il mio dentista e mi ha dato dei fermenti lattici da prendere e un antibiotico, però per il momento ho preso solo i primi, è da un mese a questa parte che sto prendendo solo antibiotici Il buchetto però non è bianco ma è rosso è proprio come se la guancia in quel punto fosse stata "scavata". Non mi sono potuta recare dal dentista per via della febbre che al momento mi tiene al letto.
La ringrazio e mi scusi ancora
Cordiali saluti

[#15] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Mi dispiace, ma senza vedere il "buchetto" è impossibile azzardare ipotesi.

Certo dalla sintomatologia sembrerebbe un'afta, anche se in effetti il fondo della lesione dovrebbe essere bianco, non rosso.

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#16] dopo  
Utente 125XXX

La ringrazio Dottore