Utente
Circa un mese fa il mio dentista mi ha rifatto una vecchia otturazione che si era rotta, non provavo dolore, ma solo il fastidio del cibo che si fermava. Lavoro eseguito in una decina di minuti, senza alcun problema. Una settimana fa cominciio a sentire dolore a quel dente, spontaneo o alla pressione, ma non sensibilita a caldo o a freddo. Venerdì, dopo giorni di dolore calmato con oki, , vado dal dentista che con test di sensibilità e di pressione dice che il dente e in necrosi e inizia terapia canalare. Tutto senza anestesia e non aumenta il dolore, mi dice che dovrebbe esserci miglioramento dal giorno dopo, altrimenti 5 giorni di antibiotico. Il dolore non è mai cessato, io sono al secondo giorno di antibiotico e sento sulla gengiva un gonfiore. Ho appuntamento il 16 novembre, perché il dentista e via. Mi conviene farmi visitare da un altro prima o proseguendo con gli antibiotici dovrei stare meglio?intanto per il dolore meglio oki o tachipirina?
Vi ringrazio

[#1]  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
il dente necrotico ha il nervo non più sensibile, motivo per il quale è possible la cura canalare senza anestesia, Il dolore successivo può essere legato o ad incompleta strumentazione del dente (sa indicare il tipo di dente?molare,premolare,,) oppure una infezione in atto che la cura da completare non ha prodotto.
Le consiglio di continuare almeno per 3 giorni l'antibiotico(l'efficacia non è immediata) ed abbinarlo ad un antidolorifico che per lei funzioni meglio(quelli da lei indicati funzionano entrambi).
Laddove il dolore continui richieda un consulto ad un altro dentista per rivalutare anche con radiografia la situazione.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio innanzitutto per la sollecitudine. Stamane il dolore è diminuito, ma ho un po' di febbre 37.4e sulla gengiva e comparso un punto giallo da cui esce un po' di pus. L'antibiotico consigliato e cefixoral 400, 1 volta al giorno e domani dovrei finire la scatola. Vale la pena farne un'altra scatola?
La comparsa di febbre, anche se bassa, indica la necessita di un consulto con odontoiatra in tempi brevi? Mi spiace assillarla, ma , come ho detto , il mio dentista è via e trovo imbarazzante andare da un altro, ma se è necessario lo faccio.

[#3]  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
è auspicabile un proseguimento della terapia antibiotica: la presenza di pus segnala una fase dell'infiammazione in fase di esaurimento.La febbre non necessariamente è legata al problema del dente.
La visita odontoiatrica è comunque irrinunciabile, poichè la terapia antibiotica pur controllando l'infezione non è in grado di eliminare il problema.
Per come sta evolvendo la sua situazione è possibile prendere in esame la possibilità di attendere il ritorno del suo dentista.
Se lo ritiene, mi tenga informato.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it