Utente 280XXX
Gentili dottori, all'Interno delle guance e parte laterale della lingua si è diffusa una patina bianca che ricopre quasi l'intero cavo orale. Ho deciso di fare una biopsia. Solo che è stato prelevato solo un pezzetto della lingua. Escluse le altre zone dov'era più marcata la patina bianca essa ricopre l'intero cavo orale. L'esito della biopsia è il seguente:
Mucosa rivestita da epitelio pavimentoso marcatamente ispessito e acantosico ed iperparacheratosico focalmente sede di edema con modesta iperplasia basale e displasia lieve. Reperto leucocheratosico con lieve displasia.
La dottoressa mi rassicura dicendomi che devo convivere con questa patologia. Voi per scrupolosità cosa mi consigliate di fare? Io preferisco da ignorante in materia rimuovere il tutto tramite laser. Seppure è l'intera mucosa orale ad essere affetta o devo sostenere degli esami strumentali in merito per capire le cause, se è cosi, quali sono? Grazie di cuore per l'aiuto.
Ps: dall'esame risulta una displasia lieve che è pericolosa si può evolvere in carcinoma. Seppure è regredita un po' la patina bianca.

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
la diagnosi istologica è attualmente tranquillizzante ma, per l'estensione della leucoplachia(il termine che descrive la sua condizione)' va fatta una diagnosi di specie, adottando misure preventive e di controllo.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#2] dopo  
Utente 280XXX

Dottore diagnosi di specie, se posso sapere quali un esempio. La ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
ad esempio, una leucoplachia semplice, un lichen, un'infezione da papillomavirus,una candidosi cronica,...
Direi di affidarsi ad un medico, in ambiente ospedaliero, che faccia diagnosi e la segua successivamente.
Spero le risulti più chiaro.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#4] dopo  
Utente 280XXX

La ringrazio dottore gentilissimo, un'ultima cosa, ma è risolvibile? Si può evitare con una buona misura di prevenzione, un eventuale peggioramento o trasformazione in carcinoma? Oltre che sono presenti delle macchie rosse, e poi bianche, e sulla tonsilla c'è una macchia bianca, un puntino da molto tempo, oltre che soffro di reflusso, quest'ultimo potrebbe essere la causa, mi è sorto il dubbio che tale leucoplachia potrebbe estendersi anche a livello di laringe o esofago?.
Oltre che una biopsia per quanto riguarda il lichen doveva evidenziarlo dalle analisi effettuate in laboratorio mi corregga dottore se sbaglio.

[#5] dopo  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
dal suo racconto ho il sospetto, penso non così infondato, che Lei sia un fumatore.
Le lesioni leucoplasiche non frequentemente si presentano in pazienti giovani come Lei, e comunque uno dei fattori di rischio primari è il fumo, soprattutto nei paesi occidentali.
Non si possono escludere però altre possibili cause come l'abuso di alcol ed i traumatismi cronici, di solito dovuti alla presenza in corrispondenza della sede della lesione, soprattutto se linguale, di denti fratturati, radici dentarie, protesi incongrue.
Il termine displasia sta ad indicare la presenza di alterazioni - modificazioni della mucosa: le forme lievi possono anche regredire, fino alla guarigione, se le cause, gli stimoli irritativi vengono rimossi, altrimenti nel tempo può esservi una progressione nella forma grave fino al carcinoma.
Pertanto se le cause non sono note, cioè non è fumatore, bevitore, non si verificano traumatismi, e quindi non si può intervenire a monte, sarebbe opportuno procedere all'aspotazione delle lesioni leucoplasiche diagnosticate come tali proprio tramite laser, come Lei stesso ha prospettato, per evitare retrazioni cicatriziali ed un decorso post-operatorio più breve.
Le consiglio di affrontare la situazione con più serenità, eventualmente affidandosi ad un centro specializzato come un reparto di patologia orale universitario.
Buone Feste!
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#6] dopo  
Utente 280XXX

Gentile dottore, mi perdoni il ritardo nella risposta. Il dottore che ha effettuato la biopsia secondo lui è un nevi bianco spugnoso. Però emerge chiaramente dalla biopsia una lieve displasia, infine sono alquanto perplesso sulla diagnosi. Le cause non sono ben definite dagli esami effettuati fino ad adesso. Le lesioni anche se di poco sembrano attenuare. Seppure una parte biancastra ricopre anche la tonsilla. Mentre per la mucosa sembra diffusa in aree di colorito rosa e bianco tipo una macchia incorporata senza lesione in alcuni punti. Non fumo e nè bevo tengo a precisarlo. Mi affiderò ad un centro ospedaliero specializzato. Secondo lei può essere un nevo bianco seppure la biopsia ribadisce tutt'altro? Non penso a traunatismi perché è l'intera mucosa ad essere affetta.