Utente 344XXX
Salve,
mia figlia di 17 anni si è rotta l'incisivo centrale cadendo lo scorso mese. Il dente, rotto per poco piu della metà della parte visibile(cioè radice esclusa) è stato devitalizzato e il dentista ha scelto di non limarlo, per lasciare tutta la parte di smalto rimasta. La ricostruzione è stata effettuata con un rivestimento in ceramica che è stato cementato sulla parte di dente rimasta, e, dopo aver provato a fare qualche ricerca, non saprei se definirlo capsula/corona oppure una specie di faccetta, perchè la parte posteriore del dente non è ricoperta. Il risultato estetico è molto soddisfacente, ma mia figlia è molto preoccupata perchè il dentista ha detto che non potrà piu mordere nulla con quell'incisivo.
Capisco che per assicurare una lunga durata della ricostruzione è meglio non usarlo, ma, mi chiedevo, quanti rischi effettivamente ci sono nel mordere cose morbide facendo molta attenzione a evitare strappi, per esempio un cornetto o una crocchetta di patate o un panino morbido, cose del genere?
Inoltre mi domandavo se ci fosse qualche altro tipo di ricostruzione/impianto che permettesse di mordere senza rischi cose piu dure, come una mela.

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Scaglia

28% attività
4% attualità
16% socialità
CALENZANO (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Buongiorno, data la giovane età della sfortunata signorina, direi che la soluzione, più conservativa possibile, scelta dal collega sia la più corretta. Purtroppo nel tempo si presenterà la necessità di rifare il lavoro e più materiale dentario ci sarà a disposizione, più volte si potrà ripetere l'operazione, senza dover ricorrere all'estrazione della radice ed all'applicazione di un impianto. Consoli sua figlia dicendole che nel "Galateo" è scritto che una signorina ben educata spezzerà il pane con le dita prima di portarlo alla bocca e sbuccerà e mangerà la mela con coltello e forchetta. Scherzi a parte, dalla sua descrizione del manufatto protesico, direi che cornetti, crocchette e un tramezzino non dovrebbero creare problemi. Per avere qualcosa di più resistente si potrebbe far fondere in laboratorio un pernio moncone che si ancori, per due terzi della sua lunghezza, nel canale radicolare e che riproduca la parte esterna del cono di preparazione per una corona in ceramica, ma riserverei questa soluzione a tempi a venire.
Cordialmente.
Dott.PIERLUIGI SCAGLIA-MedicoChirurgoOdontoiatra
Terapie con Laser-Odontoiatria adulti e infantile-Protesi-Implantologia-Ortodonzia-

[#2] dopo  
Utente 344XXX

La ringrazio dottore, quindi rispetto all'applicazione di un impianto è sempre preferibile una scelta del genere? Dirò a mia figlia che può stare tranquilla sulle cose morbide quindi, sempre facendo attenzione, anche se ormai si sta abituando a mordere il meno possibile e comunque con l'altra parte della bocca.
Ci sono altre cose da tenere a mente per assicurare una lunga durata, ad esempio sbalzi termici(cibi caldi o freddi), spazzolare troppo forte con lo spazzolino o altro?

[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Scaglia

28% attività
4% attualità
16% socialità
CALENZANO (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Direi genericamente che non ci sono altre preauzioni da prendere.
Magari è buona norma, ma non per la situazione specifica, ma in generale, evitare sbalzi termici eccessivi: mentre si sta mangiando una minestra calda assumere acqua ghiacciata, o comunque molto fredda. Queso perchè il calore fa dilatare i denti, come qualsiasi corpo fisico, nel loro insieme, il contatto dello smalto con liquidi freddi lo fa contrarre brusamente, quando la dentina sottostante è ancora dilatata. Ciò può facilmente creare micro-fissurazioni verticali dello smalto, visibili solo con luce in tralice, ma che negli anni possono tingersi con coloranti degli alimenti, venendo a sembrare come un "capello" affogato nello smalto.
Faccia i miei auguri a sua figlia.
Dott.PIERLUIGI SCAGLIA-MedicoChirurgoOdontoiatra
Terapie con Laser-Odontoiatria adulti e infantile-Protesi-Implantologia-Ortodonzia-

[#4] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
personalmente le suggerisco una corona estetica: se ben fatta sarà uguale all'altro dente. Sua figlia potrà mordere e sorridere con sicurezza per moltissimi anni, i migliori della propria vita. Tutti questi sacrifici per avere una capsula a 40 anni, ne vale la pena?
Cordiali saluti.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#5] dopo  
Utente 344XXX

Ringrazio il dottor Pierluigi Scaglia,
invece volevo domandare al dr. Ponzi una corona estetica in cosa sia differente e se veramente fosse piu resistente, cioè cosa potrebbe mordere? E poi se si optasse per una corona(che differenza c'è fra capsula e corona?) a 30-40 anni ci vorrebbe l'impianto? Scusate le tante domande ma non sono esperto

[#6] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2011
Corona e capsula sono sinonimi.
Il paradigma ,per il quale si vuole salvare il dente a 17 anni con una estetica del sorriso instabile e senza poter mordere, o come dice il Dr. Scaglia, al massimo un tramezzino, sarei dell'opinione di cambiarlo completamente.
A 17 anni, la ragazza ha bisogno di una capsula o corona in ceramica integrale o zirconio-ceramica, materiali che consentono una perfetta restituzione sia funzionale che estetica per moltissimi anni. Se poi a 40 anni dovrà rifarla non sarà un problema.
Secondo me lo è invece oggi quando, negli anni migliori della propria vita si potrebbe trovare con un sorriso imperfetto e una funzione masticatoria con difetto. Perchè farla vivere con queste insicurezze?
A mio fliglio farei una corona.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#7] dopo  
Utente 344XXX

La ringrazio del parere dottore, dal punto di vista estetico la ricostruzione effettuata è ottima, il problema è il lato funzionale. Se la corona è veramente migliore funzionalmente allora, data l'età, forse sarebbe stato veramente meglio farla, anche al costo di soluzioni piu drastiche in seguito a 40 anni, perchè come dice lei gli anni migliori sarebbero stati piu tranquilli. Purtroppo il lavoro ormai è stato fatto e quindi io e mia moglie non ce la sentiamo di buttarlo via subito per farne uno nuovo. Spero che il dentista di mia figlia, che non conosco personalmente perchè mia moglie ha sempre accompagnato nostra figlia, abbia avuto delle buone ragioni per non scegliere la corona.

[#8] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Penso che sua figlia sia stata trattata nel migliore dei modi.
Il modo più conservativo è sempre preferibile, specie in giovane età.

La tecnologia conservativa oggi ha fatto passi da gigante, mandando in soffitta ad esempio rimedi come quello del perno concone metallico fuso preparato dal laboratorio, soppiantato ormai dai perni in fibra di vetro.
E non posso assolutamente escludere che tale perno sia stato inserito; anzi, lo ritengo decisamente probabile.

Direi quindi che è molto ingeneroso dire "purtroppo il lavoro è ormai stato fatto".
Ho la netta impressione, dalle descrizioni fatte, che sia stato fatto al meglio con le tecnologie più avanzate.
Se la ricostruzione si spezzerà, si ricorrerà ad altre soluzioni.
A 17 anni trovo che sia una sorta di delitto optare per una corona se è possibile una soluzione che sacrifichi meno dente ancora.
QUESTA è un ottima ragione.
La migliore.
La stessa scelta che personalmente avrei fatto in una situazione analoga.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9] dopo  
Utente 344XXX

La ringrazio dottor Formentelli, ricevere pareri diversi è ottimo, data la mia ignoranza in materia, e commenti come il suo mi possono solod are piu sollievo. Anche se il lavoro è stato fatto con le tecnologie piu avanzate e i materiali migliori, l'opinione del dottor ponzi mi ha fatto riflettere sul tipo di scelta. E' vero che una scelta conservativa è molto importante, però, forse a maggior ragione che probabilmente andrà rifatto, se effettivamente la corona fosse stata piu resistente, in termini di poter mordere cibi piu duri rispetto alla ricostruzione attuale, allora per una ragazza giovane come mia figlia forse sarebbe stato meglio vivere fino a 30-40 anni con meno preoccupazioni sui suoi denti. Cioè credo che per quanto ci si possa abituare e si possano trovare soluzioni da giovani si avvertano molto di piu questo tipo di problemi.
In ogni caso non è stato inserito nessun perno, ma il dente devitalizzato è stato semplicemente otturato.
Comunque è anche vero che il dentista che ha curato mia figlia avrà valutato di certo tutte le possibilità e scelto quella migliore.

[#10] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Opinione diversa.
Sono infatti in totale disaccordo con il mio collega.
Anche le corone possono comunque dare problemi.

Il fatto che non sia stato inserito nessun perno in fìibra di vetro, non cambia il senso del mio ragionamento.
SE si romperà (ammesso che si rompa), ci penserà e farà qualcosa di diverso.

Meno rovina un dente meglio è.
Più tardi lo lima per fare una corona, meglio è.
L'unico fattore da considerare, ripeto l'unico a partel'estetica, è se la mancata corona compromette la parte restante del dente.

Su un dente anteriore è molto difficile, su un dente posteriore è molto facile.
I comportamenti sono, a rigor di logica, molto diversi.

Io non posso, in tutta onestà, sulla base di un racconto senza poter valutare la situazione, scagliarmi contro la scelta clinica di un collega e criticare pesantemente tale scelta sopratutto quando appare sensata e logica, in linea con le migliori pratiche odontoiatriche disponibili.
Peccherei enormemente di presunzione.

Poi magari, con dei dati oggettivi in mano, potrei cambiare idea.
Ma non sono Superman, non posseggo, purtroppo, la vista a distanza.


www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#11] dopo  
Utente 344XXX

In che senso la mancata corona potrebbe compromettere la parte restante del dente? Ad ogni modo la ringrazio infinitamente per la disponibilità

[#12] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Se ad esempio a causa della mancata effettuazione di una corona le forze masticatorie rompono la radice.
Su un incisivo, ad esempio, è un evento estremamente raro; è invece decisamente più probabile che accada a causa di un perno moncone metallico fuso anche se vi è stata allestita una corona.

In caso di semplice ricostruzione, il punto di minor resistenza è proprio la ricostruzione e in caso di sovraccarico funzionale è proprio la ricostruzione deputata a saltare, senza coinvolgimento delle restanti strutture dentali.

Per questo ritengo che la scelta fatta sia stata la più saggia.
Sempre in linea teorica...
Si ricordi che ragiono senza poter valutare la situazione oggettiva.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#13] dopo  
Utente 344XXX

Capisco, la ringrazio ancora per la pazienza!