Utente 406XXX
Salve, trovandomi all'estero per lavoro e avendo accusato sintomi inusuali spero di ottenere risposta quanto prima. Ringrazio anticipatamente.

Tre notti fa sono andato a letto come sempre dopo aver lavato i denti. durante il lavaggio ho avvertito la solita breve reazione al freddo al premolare sn dell'arcata superiore. tutto normale, mi son detto (ho una carie interna che devo curare a maggio dal mio dentista)

verso le due di notte ho sbarrato gli occhi con un violento dolore diffuso a entrambe le arcate sinistre. come se una scarica elettrica corresse lungo le gengive. il dolore si rifletteva all'interno dell'orecchio. i picchi di dolore lancinanti, vicini alla sensazione di un dente strappato via. dopo due brufen 600 tornai a letto tramortito, svegliandomi due ore dopo privo di sintomi.

verso il pomeriggio stessa manifestazione, ma all'arcata inferiore dx, nello specifico a un molare otturato nel 2002 e con dolore localizzato ma simile più a un livido fastidioso che a un vera e propria manifestazione acuta. difficoltà alla masticazione da entrambi i lati. al sn niente sintomi, ma le scosse circoscritte alla semplice masticazione.

altro brufen e tutto risolto. il pomeriggio è trascorso senza dolori e la notte pure. eccezione fatta per il risveglio dove riprendeva la sensazione dolorosa alla masticazione nel molare inferiore dx.

stamane nuova manifestazione di scosse elettrice, pulsazioni diffuse nella porzione sn delle arcate, sedate da un altro brufen. ma è aumentata la sensazione di dolore al molare dx.

è un quadro riconducibile a una patologia specifica, o può essere tutto attribuito a un grave forma di raffreddamento (esco tutte le mattine a volto scoperto mentre fuori la temperatura è tra 0 e -3 gradi).

trovandomi all'estero son preoccupato per la difficoltà a descrivere con cura i sintomi.
grazie anticipatamente per eventuali risposte

[#1] dopo  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
4% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
è difficile stabilire senza una visita una diagnosi precisa, posso solo ipotizzare in base alla sua descrizione che potrebbe trattarsi di un infiammazione pulpare (pulpite) il cui trattamento è rappresentato dalla terapia endodontica (devitalizzazione) dell' elemento o degli elementi interessati. Le consiglio di recarsi da un collega prima possibile per una tempestiva valutazione del suo caso.
Inoltre vorrei informarla di non abusare nell' assunzione di antiinfiammatori come quello che ha citato, poichè uno tra i principali effetti collaterali è l'ulcera gastrica, faccia attenzione. Cordiali saluti.
Dr. Mirco Di Biase
Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it