Utente 433XXX
Salve Gentili Dottori,confesso che ho scoperto il vostro sito grazie alla mia smania un po "ipocondriaca".
Comunque vi racconto la mia storia.
Circa 4 anni fa,mangiando un normale panino (nemmeno molto duro),un dente si è rotto,per causarmi un fortissimo mal di denti che nel 2012 è stato accompagnato da Febbre,ho risolto tutto nell'arco di 10 giorni con Antibiotico CEFIXORAL.
Il tutto sembrava passato ma dopo circa un'anno,il dente che si era rotto in modo parziale ha cominciato a rompersi a poco a poco,e più si rompeva più mi causava forti mal di denti.
Ho avuto 3 casi di mal di denti importanti
1 nel dicembre del 2012
1 nel dicembre del 2013
1 nell'aprile del 2014
ho trattato questi casi con terapia antibiotica,però il medico mi diceva sempre che quel dente andava rimosso
Sfortunatamente per motivi economici non ho potuto trattare quel dente come in realtà volevo fare.
Nel 2015,quel dente in particolare a poco e a poco si è completamente scoronato,e da allora non ho più sofferto di mal di denti..ma il linfonodo sottomandibolare sottostante ha cominciato a gonfiarsi fino a diventare molto duro e non dolente e rimanere cosi fino a tre mesi fa.
Tre mesi fa grazie al mio lavoro,anche se in ritardo..finalmente sono riuscito a permettermi la visita dal dentista che mi ha detto chiaramente che il dente ormai scoronato neccessitava dell'estrazione sotto profilassi antibiotica (per evitare l'endocardite)
ho fatto la radiografia e il risultato è stato
OSTEOLISI APICALE E INTERRADICOLARE DI 46 APPARENTEMENTE ESTESA ALL'APICE RADICOLARE DI 47
Arriva il fatidico giorno dell'estrazione,tra tensione e euforia il dente (46) ormai purulento e marcio venne rimosso,la dentista mi disse che il linfonodo sottomandibolare si sarebbe sgonfiato con il tempo e pure il mio medico di base ebbe la stessa identica conclusione.
Il chè mi tranquilizzava parecchio,anche perchè ho avuto un miglioramento precoce nell'arco di un mese,il linfonodo da duro e consistente ha cominciato a diventare piccolo e molto molle,e onestamente non mi sembrava vero.
Però dopo un mese di tranquillità, linfonodo che si era ormai ridotto (al tatto da 20mm duro a 9mm molle),però il mese scorso anche se ridotto il linfonodo ha cominciato a diventare dolente,con la pelle leggermente arrossata e il fattore che mi spaventa è che nel linfondo non cresce la barba,tutto questo è venuto 4 giorni prima della comparsa di una faringite e influenza con qualche linea di febbre che ho trattato con antibiotico,tisana di limone e miele e aereosol,da allora questo linfondo e ancora dolente al tatto (nonostante l'influenza sia passata,nonostante qualche residuo di tosse)
Onestamente questo circolo sembra che non voglia finire Il medico continua a dirmi che si sgonfia lentamente con il tempo e che era dolente per via della faringite perchè ,ma è possibile che il linfonodo abbia avvertito la faringite in anticipo? oppure è possibile che ci sia qualche residuo di "granuloma o osteolisi nel dente 47" oppure qualcosa di più grave?
Attendo la risposta

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Dal racconto si evince una osteite suppurativa causata dai residui
"infetti" dei denti citati,ma non mi spiego perché non sia stato
rimosso anche il 47.....I sintomi attuali potrebbero essere riferiti
proprio al dente citato.Occorre nuovamente una visita odontoiatrica
per verificare il problema ed impostare la terapia causale.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 433XXX

Gentile Dottor De Socio la ringrazio per la sua rapida risposta,diciamo che la radiografia ha evidenziato poco nel 47,durante la pre-estrazione ci siamo soffermati principalmente su quella che lei ha definito "La Causa principale dell'osteolisi",ovvero il 46
Non è stato rimosso,perchè il dente in questione ovvero il 47,apparentemente è sano,non è rotto e non presenta fratture o una storia come l'odissea raccontata per il dente 46..,infatti ho chiamato la dentista giusto qualche settimana prima del ponte di natale la spiegandogli la situazione,e mi ha confermato quello che mi ha detto lei,ovvero che ci potrebbero essere dei residui infetti di granuloma nel dente 47,ma che non era possibile dirlo visto che bisognava riguardare nel dettaglio la radiografia.
La ringrazio per la risposta