Utente 171XXX

Salve a tutti,cercherò di essere estremamente sintetico perchè non mi va di raccontare tutta la mia storia clinica. vengo al sodo,mi ritrovo con alcuni denti mancanti nell'arcata superiore,nella fatti specie mi mancano i 2 incisivi laterali e un incisivo centrale, dovrò fare un ponte che vada da canino a canino,vorrei sapere,in questo caso l'incisivo centrale che ho e che è in perfette condizioni verrà ridotto a un moncone insieme ai due canini?e quindi il ponte sarà di sei elementi,o il ponte sarà di 5 elementi lasciando l'incisivo centrale intatto?o c'è bisogno di limare anche i premolari per una maggiore tenuta?oltre a questo,vorrei sapere piu o meno quante settimane passeranno prima che i denti vengano fresati e il ponte sia pronto?in un unica seduta è possibile fresare 3 denti?o è una procedura molto lunga?giustamente che dipende anche dalla mole del lavoro del tecnico,ma approssimativamente..per la realizzazione di un ponte di sei elementi passa molto tempo?vi ringrazio anticipatamente,ah dimenticavo,non ho menzionato la possibilità degli impianti ,perchè per una serie di motivi non mi è possibile metterli grazie ancora

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Mi chiedo perché alla sua età si vuol far molare i denti sani ,quando la soluzione più logica nel 2017, e ' sostituire i denti mancanti con impianti? Tenga presente che i denti molati di norma vanno devitalizzati e quindi diventano "deboli" ,col rischio di potersi fratturare......e quanti denti dovrà poi molare quando i monconi si dovessero rompere per avere altri appoggi? E quanti ponti poi dovrà rifare nel corso della vita?
Se ha fretta di protesizzare per motivi "estetici" e vuole ponderare sul mio consiglio,allora perché invece di farsi "toccare denti sani", nel frattempo non utilizza un parzialino provvisorio che richiede
un 'ora di lavoro da parte di un odontotecnico e le costa due lire?
Poi dopo aver "ponderato" ,consulti un collega IMPLANTOLOGO ,che le chiarirà la serie di motivi per cui lei crede di non poter mettere impianti.
Cordialmente
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 171XXX

Gentile dottor De Socio lei ha perfettamente ragione.sono benissimo a cosa vado incontro,gli impiantologi con cui ho parlato mi hanno detto che per mettere gli impianti è necessaria la profilassi antibiotica,io non posso assumere antibiotici se non in casi disperati e per pochi giorni,che lei sappia è possibile mettere degli impianti senza copertura antibiotica?grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Se è allergico a determinati antibiotici,ne esisteranno altri cui non sarà sicuramente allergico.
Comunque la terapia antibiotica e ' precauzionale,ma non indispensabile.
Dopo gli interventi di implantologia si adoperano generalmente collutori con Clorexidina (post-operatorio)per disinfettare il cavo orale.E basta.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 171XXX

Grazie mille,mi informerò meglio allora,non ho allergie agli antibiotici,ma soffro di ulcera e nonostante gli antibiotici non siano gastrolesivi mi portano gravi reazioni indesiderate allo stomaco nonostante tutte le precauzioni per coprire lo stomaco,ho provato vari antibiotici e mi fanno tutti malissimo,io sinceramente i dentisti che ho sentito mi hanno parlato di lunghe terapie antibiotiche,mettendo le mani avanti nel caso di non riuscita degli impianti a causa di una mancanta copertura antibiotica,dovrei trovare un dentista disposto a impiantarmi i denti senza assumere antibiotici,e la vedo molto dura visto che "obbligano" ad assumere antibiotici come se fossero caramelle

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Trovi un IMPLANTOLOGO che le dia tutti i chiarimenti di cui ha bisogno,chi mette le mani avanti "parlando di lunghe terapie antibiotiche nel caso di non riuscita degli impianti".......forse non
e ' il professionista a cui rivolgersi......
Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Ho fatto diverse volte impianti senza copertura antibiotica, e quasi sempre con copertura brevissima: una compressa di amoxicillina 1h prima dell'intervento e una compressa subito dopo.

Le "lunghe terapie antibiotiche" in caso di fallimento sono una vera e propria idiozia.
Se c'è fallimento, lo tolgo QUASISEMPRE SENZA antibiotico.

Scelga un dentista implantologo serio e preparato.
E' la stessa cosa che dice il collega e amico dr. De Socio, solo che lui è gentile ed educato, mentre il sottoscritto è diretto senza mezzi termini.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#7] dopo  
Utente 171XXX

gentili dottori vi ringrazio per i consigli e sto ponderando l'idea degli impianti,approfitto di questo consulto già attivo per porvi una domanda,devo togliere la radice di un premolare,sul quale è da diversi mesi presente un ascesso,e in questi giorni si è formata una sorta di sacca che pressando sul dente drena dalla gengiva,il problema è questo,dovrei fare la terapia antibiotica e poi estrarlo,ma purtroppo non posso prendere antibiotici se non in casi gravi,ho consultato due dentisti i quali non vogliono togliermi il dente se non faccio una giusta terapia antibiotica,l'ultimo dentista mi ha addirittura detto che in questi casi bisogna firmare una delibera dove il sottoscritto cioè io,mi assumo la responsabilità di ciò che mi possa accadere estraendo un dente con ascesso,dicendomi addirittura che si va incontro a possibili problematiche,ultima in ordine di gravità la setticemia.
vorrei un vostro consiglio,non è la prima estrazione che faccio e non ho mai avuto complicazioni,l'ascesso ormai è cronico e non acuto,non ho male al dente e neanche sintomi sistemici come la febbre,ho solo dolore lieve/moderato alla pressione della gengiva/osso.
grazie mille per le vostre eventuali risposte

[#8] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
A quali antibiotici e ' sicuramente allergico?
Ha mai fatto prova allergiche a tal proposito?
Se è allergico alle penicilline esistono altri
antibiotici tipo cefalosporine e macrolidi.
Chieda al suo medico curante e faccia tranquillamente l'estrazione per evitare complicanze settiche
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#9] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Gentile utente può benissimo essere ( e' probabile) che effettui l'estrazione senza avere conseguenze o complicazioni come gia' successo in passto ma esiste anche la remota possibilità che si instauri una complicanza infettiva anche seria ( son descritti casi di flemmoni con estensione del processo infettivo alle logge del collo fino alla mediastinite o trombosi settiche del seno cavernoso della dura madre, osteomieliti ecc. ecc.)
E' adulto e vaccinato ( credo) deve esser informato di tutto per poter scegliete la condotta che ritiene più giusta da seguire.
Il consenso informato va firmato per dimostrare che lei e' stato informato sulle procedure terapeutiche che andrà a compiere con connessi rischi e complicanze correlate.
E deve rispettare anche la decisione del dentista che decide di non intervenire se lei non segue le sue indicazioni.
E' liberissimo di scegliere un altro dentista.
Procedure chirurgiche a rischio zero non ne esistono.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#10] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Di norma, personalmente, non prescrivo antibiotici né prima né dopo una estrazione dentale.

Il foglio che le hanno chiesto di firmare è il classico "pararsi il culo".
Penso che debba scegliere un dentista esperto in chirurgia orale, perchè gli eventi drammatici che le hanno prospettato in caso di non assunzione denotano o una cattiva sua comprensione delle parole del dentista, o una enorme sopravvalutazione dei rischi o una incompetenza del dentista.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#11] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Gentile utente come vede il panorama odontoiatrico e' talmente ampio e variegato che non le sarà difficile più di tanto trovare chi abbia un modus operandi conforme a quelle che son le sue richieste.
C'è chi sceglie una condotta perché ne' e' convinto per formazione ed esperienza, c'è chi la sceglie " per non saper ne' leggere ne' scrivere" e allora nel dubbio meglio evitare il più possibile ( ai limiti della logica) farmaci, vaccini, anestesie tronculari, tecniche chirurgiche che richiedono un background diverso da quello che si possiede... poi però ci son anche gli altri ma qui il discorso sarebbe più articolato e non è questa la sede per affrontarlo.

A lei la scelta.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#12] dopo  
Utente 171XXX

grazie mille per le vostre risposte,rispondo alla domanda del dottor De Socio, non sono allergico a nessun antibiotico,sono soltanto intollerante,più nello specifico mi creano gravi effetti collaterali a livello gastroenterico,e ogni volta che devo prenderli è un agonia,nonostante le giuste precauzioni,ad esempio uso di probiotici,gastroprotettori ecc..ho provato tutti gli antibiotici possibili,ma il risultato non cambia..soffro di ulcera petica e questo sicuramente influisce ad essere così delicato di stomaco,difatti non assumo MAI nessun fans.

[#13] dopo  
Utente 171XXX

Salve dottori,approfitto di questo vecchio post per chiedere a voi medici che già mi avete risposto in passato,in questo caso il dottor Formentelli il dottor De Socio e il dottor Di Iorio, quanti anni può durare un ponte fisso?realizzato su denti pilastro naturali sani, e gengive sane.
ovviamente so che ogni ponte ha una propria vita e che ogni paziente è un caso diverso,e che molto dipende da un mix di elementi,tipo qualità dei materiali,bravura del tecnico e del dentista e scrupolose norme igieniche,e controlli periodici dal dentista..facendo una serie di ricerche via internet ho letto che la "vita media" di un ponte va da un minimo di 5 anni fino a un massimo di 10 anni,in casi eccezionali anche 15,vorrei sapere voi cosa ne pensate?e sopratutto dalle vostre esperienze professionali,vi è mai capitato di vedere ponti che possono durare anche una "vita" intera?magari con delle manutenzioni fatte ogni tot di anni..grazie mille a tutti voi

[#14] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Io sottoscrivo tutto quello che le hanno risposto i miei colleghi in quest'altra richiesta di consulto che ha fatto sul medesimo argomento:
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/561069-orientativamente_quanti_anni_puo_durare_un_ponte_fisso.html

In definitiva se non le interessa troppo dell'estetica un ponte può durare anche diverse decine di anni, mi è capitato di visitare pazienti che avevano ponti in metallo vecchi mezzo secolo (50 anni ndr). Più che di durata però si dovrebbe parlare di "sopravvivenza".
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#15] dopo  
Utente 171XXX

infatti ne ho approfittato per avere più pareri in modo da essere sempre più convinto di cosa fare.&lt;br /&gt;<br />
quindi anche lei è dell'idea che ogni 5 anni circa,bisogna rifarlo?
grazie mille per la risposta

[#16] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Non ho detto questo.
Ogni caso è diverso dagli altri, non è possibile generalizzare dando dei numeri.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#17] dopo  
Utente 171XXX

Giusto, infatti nella domanda l ho scritto che ogni ponte ha una storia a se stante, ma lei nella sua carriera e nella sua esperienza personale che stima darebbe? Considerando come ho gia detto una buona igiene orale, dei controlli di routine ecc ecc
grazie mille

[#18] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"ogni 5 anni circa,bisogna rifarlo?"

Grazie!
Finalmente qualcuno che pensa alla rata del mio mutuo!
Ne avessi tanti di pazienti come lei!
Invece, neppure uno...
I miei pazienti vogliono che duri in eterno...
"Definitivi", appunto.

Spero di averla fatta sorridere esprimendo fra le righe il mio pensiero.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#19] dopo  
Utente 171XXX

Eh magari durassero una vita..anche io ho pensato la stessa cosa..cioè che è un investimento troppo caro se si dovessere sostituire orientativamente ogni 5anni, ma l idea non è stata mia, è stato un consiglio datomi da un suo collega su questo sito..comunque dottor formentelli io mi riferivo al ponte "classico" non agli impianti..magari mi ha frainteso..

[#20] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Se i miei pazienti rifacessero i "ponti" ogni 5 anni probabilmente non avrei avuto neppure necessità di accendere un mutuo per comprar casa.
Ho pazienti che masticano ancora con protesizzazioni fatte quando ho iniziato a lavorare (1998) ed altri che dopo 7/8 anni han dovuto riprotessizzare per un qualche motivo.
Una statistica non gliela so fare.
Se non son durati in eterno neppure i denti che le ha dato il Signore, quello che è in grado di realizzare un essere umano di certo non ci si potrà neppure lontanamente avvicinare.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#21] dopo  
Utente 171XXX

grazie mille dottor Di Iorio,adesso ho le idee più chiare..insomma può durare 5 anni,come 20,dipende da tutta una serie di fattori che non si possono prevedere...mah..speriamo bene..