Utente 445XXX
Gentili Dottori,
circa 20 giorni fa mi sono sottoposto ad intervento di implantologia dentale (n. 2 perni in titanio x n. 2 molari attigui) con rialzo osseo mascellare.
L'intervento è andato bene. Gonfiore che si è concluso nell'arco di circa 5 giorni e punti di sutura rimossi dopo 7 giorni. Però il giorno dopo aver rimosso i punti la gengiva - parte esterna - del dente attiguo (premolare) si è gonfiata (in pratica si è formata come una pallina, dura che ha preso l'intera gengiva, ma senza dolore ne infiammazione ne febbre ect.). Tale situazione, vista, rivista e controllata dal medico è rimasta tale e quale per tutti questi 20 giorni. Sono state intraprese tutte le operazioni del caso - antibiotico per circa 14 gg., lastre, dentalscan, incisione ect) ma senza risultati apprezzabili al fine di determinare l'origine della formazione ne all'eventuale cura. Bisogna aspettare che si riassorba questo è la soluzione prospettata.
La domanda è: quanto sopra trova conferma dal punto di vista clinico o verosimilmente si deve/devo intraprendere ulteriori esami/soluzioni.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Potrebbe trattarsi di un normale esito infiammatorio post-operatorio, non infrequente dopo interventi di rigenerazione ossea che prevedono l'utilizzo di biomateriali ( osso e/o membrane).
Se non c'è infezione, e questo deve verificarlo il dentista che la segue, direi che può stare tranquillo sottoponendosi ai regolari controlli che le verranno prescritti per monitorare la guarigione.
Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 445XXX

Gentile Dottore,
dopo ulteriore controllo e scaturito che potrebbe trattarsi di uno stravaso del materiale usato per il rialzo osseo nonché la garza (uso tale termine perché non ho ben percepito l'esatto) di contenimento che si è piegata e riversata nella gengiva.
Inconveniente non usuale ma che può accadere in simile circostanze.
E' verosimile? Quale tempistica per l'assorbimento?
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
effettivamente è possibile sia successo quanto da lei descritto.
Per i tempi di riassorbimento le conviene chiedere direttamente al suo dentista, che è l'unico a conoscere l'esatta tipologia dei materiali usati.
Infatti per quanto riguarda ad esempio le membrane (la garza come lei la definisce), ne esistono tipi differenti,con diversi tempi di riassorbimento.
Saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#4] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
E' verosimile.
Come le ha detto giustamente il collega i tempi di riassorbimento dipendono dal tipo di materiale usato.
Ad ogni modo si tratta di materiali biocompatibili, se non si è instaurato un processo infettivo non c'è nessun problema. La guarigione avverrà comunque.
Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it