Utente 418XXX
Buonasera, tre giorni fa a seguito di una rottura di un dente devitalizzato ormai da anni, ho subito un estrazione del primo molare superiore destro.
Purtroppo il dentista non è riuscito ad estrarre una radice, in quanto troppo ricurva. L'unica soluzione era la frantumazione di una buona parte di osso, per poi riuscire ad estrarre la radice. Ha deciso di chiudere così la ferita, e vedere se mi darà problemi il da farsi, perché secondo lui mi avrebbe lasciato un buco enorme in bocca... cosa potrebbe comportare ciò? Grazie per l'attenzione.
Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Una radice non estratta può comportare solo problemi in quanto è una strada aperta ai batteri per dare infezioni a livello gengivale e osseo, sopratutto nel caso in cui questa fosse già infetta .
Per quanto sia sicuramente necessaria una visita per valutare l'esatta entità del problema io le consiglierei di proseguire con l'estrazione.In mani esperte non sono necessarie tecniche demolitive ossee.
E comunque l'alveolo post-estrattivo può essere riempito di biomateriali per colmare il vuoto estrattivo,specie se in previsione di un impianto( ridge preservation).
Si consulti eventualmente con un collega esperto in chirurgia orale.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 418XXX

Dr. De Socio grazie mille per la sua risposta! Il mio dubbio era proprio quello che potesse essere vicolo di infezioni. Avendo poi un prolasso mitrale con rigurgito, dovrei evitare ogni possibile focolaio di infezione onde evitare un endocardite. Al momento mi sono un po spaventata perché sembrava che doveva d emolirmi mezzo palato! Seguirò il suo consiglio e mi informerò presso un chirurgo orale!