Utente 415XXX
Buonasera. Potrebbe essere una sciocchezza, ma non potendo recarmi dal medico provo a chiedere un primo parere.
Circa una settimana fa ho avuto la gengiva del dente del giudizio inferiore sinistro molto infiammata. Il dente è per metà fuori e la gengiva era particolarmente dolente. Ho preso un momendol una sera e curando più del solito l'igiene orale il dolore è passato.
In questi giorni ho una leggere febbricola (36.7-37-2, quasi nulla, ma la mia temperatura normale è 35.8-36), raffreddore, senso di spossatezza. Visto che spesso mi vengono placche alle tonsille per il minimo mal di gola,per scrupolo ho controllato. Mi sono accorta che sulla gengiva, poco oltre il dente del giudizio dolente, si è formata una pallina trasparente apparentemente piena di liquido , una bollicina. Non mi fa assolutamente male, all'inizio non ero nemmeno sicura ci fosse davvero, per essere sicura ho provato a toccare leggermente col dito. La bollicina è dura ma si "muove" se la spingo, per questo dico che è piena di liquido. Non mi fa alcun male nemmeno al tatto. Sono sicura non sia una afta perché spesso mi compaiono e non è per nulla simile. Purtroppo non so da quanto sia presente. Dovrei andare a farla controllare o posso aspettare per vedere se andrà via da sola? Può essere correlata alla febbricola e al senso di malessere? Per il raffreddore ho preso un paio di tachiflu 3 giorni fa. Il paracetamolo mi provoca una forte secchezza alla bocca da sempre. Ogni volta che prendo una Tachipirina o il tachiflu poi per almeno 24 ore mi sento la bocca secchissima. Potrebbe essere anche questa una causa della bollicina?
Quando mi era stato estratto un dente mi era stato detto di usare il colluttorio alla clorexidina per qualche giorno. Può servire in questa situazione per disinfettare meglio?
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissima utente se la bolla regredisce spontaneamente in 20 giorni non è nulla di importante, qualora permanga: occorre visita odontoiatrica con accertamenti diagnostici.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/