Utente 529XXX
Buonasera.Ho recentemente rimosso tutti e 4 i denti del giudizio,iniziando dagli inferiori poiché erano i più problematici (malgrado non avessero ancora iniziato a spostare gli altri denti, quindi è stato preso tutto preventivamente), e in seguito ho dovuto aspettare un po’ per rimuovere quelli delle semiarcate superiori.Prima di fare questi interventi già si notava ad occhio che l incisivo di destra tendeva a spostarsi dal suo asse perpendicolare e a inclinarsi verso sinistra.Io ho da sempre ricondotto la causa di questo fenomeno al dente del giudizio di dx che,essendo storto,tendeva a premere in avanti.Ora che l ho rimosso,è possibile correggere l inclinazione verso sx dell incisivo senza l applicazione di apparecchio?Magari con un bite? Esistono altre tecniche per sistemare questo problema?Se non dovessi fare niente,l inclinazione potrebbe correggersi da sola visto che oramai non c è più pressione esercitata dal dente del giudizio?
Ps ci tengo a precisare che la causa dell inclinazione dell incisivo l ho attribuita alla posizione errata assunta dal dente del giudizio di destra perché non trovo altre motivazioni e questa mi sembrava l unica plausibile.Grazie a tutti per la cortese attenzione e buona serata.

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, abbiamo diverse scuole di pensiero, ma i terzi molari (D. Giudizio) hanno la stessa forza eruttiva degli altri denti che li precedono, per cui quale forza dovrebbe avere uno di questi denti per spostare i 7 elementi che lo precedono? Forse la causa della sua estetica e da ricercare in qualche altro fattore, per cui difficilmente i denti si allineeranno spontaneamente. Oggi gli apparecchi utilizzati per cure ortodontiche ne troviamo di diversi tipi tra cui anche i meno visibili, una semplice visita presso un odontoiatra che si occupa di ortodonzia le spiegherà l'apparecchio corretto. Diffidi di chi le propone la visita gratuita.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/