Utente
Buon pomeriggio, a seguito di episodi stressanti, da due anni sto assumendo dietro consulto medico, rivotril gocce due volte al giorno.
Parallelamente si sono sviluppati a partire da sei mesi circa l'inizio della cura, episodi di paradontite anomala, come definita dal mio dentista con ascessi di breve durata ma ad intervalli di circa sei mesi uno dall'altro.
C'è una correlazione tra assunzione di rivotril e infezione alle gengive con relative tasche paradontali come ipotizzato dal dentista?
E se si come risolvere?
Eliminare rivotril con un sostituto?


Grazie

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente la patogenesi della malattia parodontale è chiara scritta su tutti i libri, non è farmacologica. Non conosco il parere del duo odontoiatra, ma se ci fosse prova ripetibile di questo sospetto, non esiterei nella pubblicazione di un case report.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente
Farmaci antiepilettici o sostanze che riducono la salivazione, oltre a diabete, fumo e stress.

Non ha evidenze di questo?

[#3]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
La ridotta salivazione, diabete, fumo possono interferire sulla malattia parodontale ma non sono la causa. La malattia parodontale è curabile senza la sospensione o la sostituzione di questi farmaci, poi abbandonare il fumo e compensare il diabete va fatto anche non in presenza di malattia parodontale.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/