Utente 841XXX
Gentili Dottori,
circa 6 mesi fa ho iniziato ad avvertire dolore con l'assunzione di cibi freddi o dolci e, in seguito a visita dentistica, mi è stato prescritto l'utilizzo di Sensodyne C o Sensodyne ProSmalto. Due denti dell'arcata superiore sinistra hanno infatti il colletto scoperto e questo causava ipersensibilità.

Ovviamente il dentista mi ha anche indicato modi più corretti di utilizzare lo spazzolino, imputando la perdita dello smalto a uno spazzolamento troppo vigoroso e in direzione sbagliata.

Per alcune settimane l'utilizzo dei due dentifrici ha avuto un effetto benefico, eliminando completamente l'ipersensibilità e ponendo anche fine al sanguinamento delle gengive quando spazzolavo.

Purtroppo da circa una settimana, nonostante l'utilizzo dei dentifrici specifici e l'applicazione del metodo di spazzolamento corretto, il problema si è ripresentato: di nuovo avverto sensazioni di dolore in corrispondenza dei due colletti scoperti, acute quando assumo cibi freddi, ma comunque presenti "a bassa intensità" un po' per tutta la giornata. Inoltre, spazzolando i denti le gengive hanno ricominciato a sanguinare.
La situazione non è mutata molto neanche integrando il lavaggio con un colluttorio Elmex specifico per l'ipersensibilità.

Mi chiedo a questo punto se periodi in cui si ripresenta l'ipersensibilità siano normali oppure se sia necessario sottoporsi ad una nuova visita e pensare ad interventi più efficaci del dentrificio.

Grazie per l'attenzione.


















[#1] dopo  
Dr. Gianpiero Deluzio

24% attività
8% attualità
12% socialità
RUTIGLIANO (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
L'utilizzo di dentifrici specifici o l'esecuzione di una fluoroprofilassi possono talora dare buoni risultati ma non sempre radicali. Il suo dentista potrà valutare la possibilità di ricoprire i colletti dei denti con un innesto di gengiva ( se come mi pare di capire la recessione gengivale è stata di origine traumatica per lo spazzolamento scorretto) o più semplicemente con del composito.
Dr. Gianpiero Deluzio
Odontoiatra

[#2] dopo  
Utente 841XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio per la celerità e la chiarezza del consulto. Provvedo allora a prendere appuntamento dal dentista per fare il punto della situazione!

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
E mi raccomando, ci faccia sapere le eventuali decisioni terapeutiche.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gent paziente
però ci deve essere un problemino perchè se le sue gengive sanguinano e lei come mi sembra di aver capito è una persona scrupolosa esiste un problemagengivale o parodontale. una gengiva non infiammata ma adeguatamente trattata in assenza di placca o di tartaro ed in questo caso magari sotto gengiva non deve sanguinare assolutamente anche se ritirata come riferisce lei.
per cui prima di tutto chieda come mai le sue gengive sanguinano e risolva eliminandolo il problema del sanguinamento e poi ovviamente anche quello della sensibilità
cordiali saluri
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Dentifrici "specifici" per l'ipersensibilità esistono soltanto nelle intenzioni pubblicitarie delle case produttrici.

Possono fare "qualcosa", in modo temporaneo e incompleto, ma da li a parlare di "specifico" ne corre.

Neppure i trattamenti professionali (la copertura del colletto già citata) ma anche la più semplice applicazione professionale di vernici possono dirsi con certezza risolutivi.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)