Utente 127XXX
poteri avere notizie su il seguente referto pet-tac.
L'odierno controllo PET documenta la persistenza dell'area di aumentato metabolismo glucidico in sede apicale polmonare destra che, rispetto al precedente esame del 2008, presenta un aumento dell'uptake (attuale SUV max 4,4 e precedente 2,9). Anche a livello della linfoadenopatia già segnalata in sede ilare destra si rileva un incremento del gradiente di captazione (attuale SUV max 6,6 e precedente 3,9).
Si segnala infine un area di focale iperaccumulo del radiofarmaco (SUV max 3,7) a livello dell'arco lateralòe V costa di sinistra.
Il tutto che vuol dire?

[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
per avere un risposta più adeguata possibile sarebbe meglio che sintetizzasse il quadro clinico (diagnosi, prcedenti terapie e precedenti esami diagnostici).
Comunque questo quadro documenta l'aumento dell'attività metabolica (=proliferazione?) a carico di aree patologiche già note (polmone dx e linfonodi ilari) con in più una localizzazione che sembrerebbe nuova (non sarebbe descritta in precedenza) a livello della V costa.
Ribadisco che per dare un significato a questi reperti bisogna che ci fornisca più informazioni sulla storia clinica.
Cordiali Saluti
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#2] dopo  
Utente 127XXX

La ringrazio della celerità nella risposta.
Mio padre è stato operato 3 anni fa con asportazione di 3/4 del polmone destro, successivamente, da accertamenti fatti tramite pet/tac, si è sempre evidenziato degli addensamenti con SUV max 3,9. l'anno in corso, ha subito al polmone sx un (non so il termine) cmq, si è collassato il polmone a causa di uno scoppio di una bolla d'aria, quindi è stato fatto un intervento per poter chiudere la parte lacerata da questa bolla. (ho descritto il tutto in modo molto sintetico). Comunque ora dopo un mese dall'uscita dell'ospedale, abbiamo fatto nuovamente questo controllo con la pet-tac e abbiamo avuto il referto che ho descritto in precedenza.
Dott. secondo lei, quale può essere il problema?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La cosa che lei ha cercato di spiegarmi (ed è riuscito nel suo intento anche con parole semplici) si chiama pneumotorace e non influisce sulla situazione neoplastica precedente.
Invece le stesse aree patologiche viste in PET andrebbero valutate con la TAC sopratutto facendo il confronto con le precedenti immagini. Ciò è importante perchè nel fare questi controlli nasce il sospetto di evoluzione della malattia neoplastica precedente.
Cordiali Saluti
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#4] dopo  
Utente 127XXX

Dott. le chiedo scusa, ma secondo lei, il fatto che ci siano degli aumenti dei SUV, rappresenta una certezza nel dire che la malattia si stia ripresentando, o c'è una possibilità che non sia niente di preoccupante? mi perdoni la mia domanda profana.
Mio padre ha 62 anni, nel caso sia il ripresentarsi della malattia, ci sarebbero le cure per poterla sconfiggere, visto che non credo sia il caso di un'altro intrevento chirurgico?
Dott. lei, può dirmi se si tratta di un metastasi?
Grazie.
Chiedo ancora scusa per la mia ignoranza in materia, ma sto cercando di capire il tutto per poter dare un po' di tranquillità a mio padre.

[#5] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Lei vuole da me risposte importanti con meno informazioni di quelle che hanno i medici che hanno in cura suo padre.
Le posso rispondere solo in termini probabilistici:
1. Non è certo che sia malattia ma è probabile.
2. Le cure di una malattia neoplastica con quelle eventuali localizzazioni sarebbe in termini di contenere l'evoluzione della malattia ma non di guarire.
3.se la localizzazione alla costa si comferma sarebbe un quadro metastatico.
In caso di nuovi dati chieda pure.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#6] dopo  
Utente 127XXX

grazie.
l'ultima tac fatta a maggio, cioè prima dell'intervento fatto al polmone per il collassamento, non riportata nulla sul polmone sx. Il mio dubbio è:
lei crede che la localizzazione alla costa, possa derivare dall'intervento?
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Questa è una della cose in cui ho difficoltà ad esprimermi proprio per non aver davanti lastre e cartelle.
Comunque è vero che nella zona di intervento la PET può essere positiva in modo aspecifico ed in particolere nella parte di parete toracica che ha subito l'incisione.
Ribadisco che io confronterei questa PET con una nuova TAC.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#8] dopo  
Utente 127XXX

Grazie dott. per la disponibilità e la tempestività delle risposte.
Provvederò a far fare una tac a mio padre, prima possibile, se mi permette, la terrò informata, sull'esito.
Grazie mille.

[#9] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Certo che può informarmi. Anzi, più elementi ho e più posso aiutarla.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro