Utente 139XXX
vorrei avere un vostro consulto per mio marito afetto da adenocarcinoma alla testa del pancreas e secondarismi al fegato con infiltazione vena mesenterica ha 51 anni trattato gon gemox per 6 cicli dopo TAC di controllo non c'è stata regressione nè avanzamento della malattia successivamente l'oncologo ha deciso di trattarlo con xeloda per 14 giorni e 7 di riposo per altri 6 cicli .Quasi alla fine del 2° ciclo ha dovuto sospendere la terapia per il valore delle pistrine basse e febbre dopo una settimana ha ripreso. Ora è in terapia ma ha dei dolori addominali frequenti e forti e prende contramal. vorrei sapere se c'è qualche terapia sperimentale e un centro specializzato dove possono aiutarmi sono disperata

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

direi che la situazione andrebbe rivalutata in toto. Si potrebbe ad esempio prospettare una nuova chemioterapia con 5-fu in combinazione con ipertermia locoregionale. Inoltre doserei la cromogranina A per verificare se è possibile aggiungere octreotide alla terapia che verrà scelta. Anche per il dolore si può fare molto. Sono a disposizione qualora vogliate fare un viaggio verso Roma..

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 139XXX

ho letto solo ora la sua risposta vorrei illustrarle la situazione ad oggi finito ciclo di xeloda senza risultati i dolori sono aumentati notevolmente e trattati con risultati soddisfacenti con oxycontin,tachipirina e orudis ma dal'ultima tac effettuata in data 30/01/2010 risultano aumentate di volume le metastasi epatiche e infiltrata la glissoniana notevole dimagrimento. ora non ritengono continuare con xeloda e con nessun altro farmaco vorrei sapere se ci sono terapie sperimentali non voglio arrendermi effettuto anche l'esame OCTREOSCAN con esito negativo se posso contattarla mi mandi il recapito telefonico grazie