Utente 150XXX
Salve, sono una ragazza di 27 e scrivo per avere informazione riguardo ciò che è accaduto a mio padre: nel mese di luglio gli è stato diagnosticato un carcinoma tiorideo e sucessivamente è stata effettuata la tireodectomia totale con asportazione di linfonodi maligni nella zona destra. Dopo circa 40 giorni è stata eseguita la terapia metabolica, ma nonostante ciò qualche giorno fa è stato necessario eseguire un altro intervento questa volta nella zona sinistra poichè vi erano anche lì dei linfonodi da asportare. Successivamente all'intervento si è verificata una complicazione: fistole chilosa (così deifinita dallo specilaista) ora mi chiedo come mai si è verificato questa cosa? quanti giorni sono necessari per la rimarginazione spontanea? E se questa no dovesse avvenire come è necessario procedere?

La ringrazio anticipatamente, distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In questo tipo di chirurgia demolitiva la fistola chilosa, al pari dell'emorragia, è una complicanza possibile, ma che si autodelimita spontaneamente se opportunamente drenata.

Ovviamente ogni caso è a sè.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com