Utente 157XXX
Gent.mi dottori,
sono una donna di 44 anni appena compiuti e nel mese di aprile 2010 sono stata operata al seno per carcinoma duttale infiltrante ben differenziato senza evidente embolizzazione vascolare:
pT1 G1 pN0
IS pS
ER= 70% (clone GF11)
PgR= 80% (clone PR 88)
MIB -1 4%
C-ERB-B2 (SCORE +1) immunoreattività parziale di membrana meno del 10%.

A breve inizierò la radioterapia. Ieri mi hanno detto che l'equipe ha deciso di non sottopormi a ormonoterapia, in quanto, secondo loro, il mio tumore è poco aggressivo. Mi hanno detto comunque che la cosa era discutibile e se avessi voluto, avremmo potuto iniziare una ormonoterapia.
Il senologo che mi ha diagnosticato il tumore sarebbe favorevole alla terapia, l'aquipe no, e io? Io non sono un medico e quindi non so cosa decidere. So solo che gli ormoni che al momento circolano nel mio corpo( il mio ciclo è ancora regolare) mi causano molti problemi ( pressione alta durante il ciclo 110 minima 180 massima), emicrania forte e sbalzi di umore.
Cosa devo fare?
Grazie e mi scusa per la lungaggine!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi sembra corretta la posizione dei suoi oncologi

>>Mi hanno detto comunque che la cosa era discutibile e se avessi voluto, avremmo potuto iniziare una ormonoterapia.>>

Perchè evidentemente hanno fatto un bilancio dei benefici/svantaggi.

L'unica osservazione , e ne discuterei con loro, se hanno tenuto conto (suppongo di sì) dell'aspetto PREVENTIVO sulla mammella controlaterale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com