Utente 161XXX
Sono stata sottoposta, a seguito di terapia neoadiuvante, ad intervento chirurgico di:
quadrante QSE + linfonodo sentinella + 3 linfonodi di I livello
La diagnosi definitiva è stata:
CARCINOMA DELLA MAMMELLA SINISTRA ypT1a(m), ypN0 – ER 95%; PgR 80%; Her2 3 +; ki – 67 80%
QSE: focolai residui di carcinoma duttale infiltrante (diametro massimo istologico cm. 0,22) con componente intraduttale nel contesto di parenchima mammario sede di diffusa sclerosi stromale e di flogosi cronica linfoplasmacellulare ed istiocitaria riferibili a terapia. Presenza di microcalcificazioni. Margini di resezione inferiore ed areolare indenni.
FRAMMENTO DI PARENCHIMA MAMMARIO: indenne da neoplasia
LINFONODO SENTINELLA: indenne da metastasi, sede di fibrosclerosi
3 LINFONODI DI I LIVELLO: indenni di metastasi, sede di fibrosclerosi

La terapia neoadiuvante è stata di 6 cicli:
3 cicli di “epirubicina + docetaxel” e 3 cicli di “docetaxel + trastuzumab”.
Al termine dei 6 cicli, la RMN rilevava una RISPOSTA CLINICA COMPLETA al trattamento chemioterapico: al quadrante supero mediano di sinistra un’area sfumata di iperintensità di segnale che tuttavia non è dotata di enhancement. Non evidenza di lesioni neoangiogenetiche in ambito mammario né ai cavi ascellari.
La biopsia prima della terapia neoadiuvante aveva dato il seguente esito: k duttale infiltrante e linfadenopatia ascellare(K mammella localmente avanzato), ER 70%, PgR 90%, c erb B2= 3 nel 70%, MIB1 25% (indice di proliferazione).
la dimensione del nodulo, inizialmente, risultava 3,5 cm (nella TAC), 4,3 cm *2,3 cm (nella risonanza magnetica), con coinvolgimento dei linfonodi ascellari.
Il mio quesito è: a quale terapia dovrò essere sottoposta a seguito dell’intervento? Basta il farmaco biologico (trastuzumab) o necessita ancora chemio?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
io valuterei di proseguire con il solo trastuzumab, (previa stadiazione della patologia, se non eseguita), radioterapia e terapia ormonale
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)